La Primavera sorrideva


THE MEADOW FAERY by James  Browne:
Un giorno mi sorprese la primavera
che In tutti i campi intorno sorrideva.
Verdi foglie in germoglio
gialle rigonfie gemme delle fronde,
fiori gialli, bianchi e rossi davano
varietà di toni al paesaggio.

E il sole
sulle fronde tenere
era una pioggia
di raggi d’oro;
nel sonoro scorrere
del fiume ampio
si specchiavano
argentei e sottili i pioppi.

Antonio Machado

✨:

Sussurrato dafiori_7Luli

La Primavera


botticelli primavera

La Primavera di Sandro Botticelli è considerato uno dei capolavori del Rinascimento italiano. Chi visita la Galleria degli Uffizi di Firenze rimane affascinato davanti a questo grande dipinto: ma il fascino del quadro è forse legato anche all’aura di mistero che circonda l’opera, il cui significato più profondo non è ancora stato completamente svelato.
Data di realizzazione: 1482 Dimensioni: 203 x 314 cm Galleria degli Uffizi, Firenze.
L’opera, forse la più nota di Sandro Botticelli, è databile intorn0 al 1482 e diverse fonti hanno confermato che il dipinto venne eseguito per Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici (1463-1503), cugino di secondo grado del Magnifico.

Sandro Botticelli nacque nel 1445 a Firenze in via Nuova (oggi via del Porcellana), ultimo di quattro figli maschi e crebbe in una famiglia modesta ma non povera, mantenuta dal padre, Mariano di Vanni Filipepi, che faceva il conciatore di pelli ed aveva una sua bottega nel vicino quartiere di Santo Spirito. Il fratello Antonio era un orefice di professione, per cui è molto probabile che l’artista avesse ricevuto una prima educazione presso la sua bottega. Il nomignolo pare invece che fosse stato inizialmente attribuito al fratello Giovanni, che di mestiere faceva il sensale del Monte (un funzionario pubblico) e che nella portata al catasto del 1458 veniva vochato Botticello, poi esteso a tutti i membri maschi della famiglia e dunque adottato anche dal pittore. Il suo vero e proprio apprendistato si svolse nella bottega di Filippo Lippi dal 1464 al 1467, con cui lavorò a Prato negli ultimi affreschi delle Storie di santo Stefano e san Giovanni Battista nella cappella maggiore del Duomo assieme a numerosi altri allievi. Risultarono però determinanti nel progressivo processo di maturazione del suo linguaggio pittorico anche le influenze ricevute da Antonio del Pollaiuolo e Andrea del Verrocchio, del quale potrebbe aver frequentato la bottega dopo la partenza di Filippo Lippi per Spoleto.
Botticelli scelse di esaltare la grazia, cioè l’eleganza intellettuale e la squisita rappresentazione dei sentimenti e fu per questo che le sue opere più celebri vennero caratterizzate da un marcato linearismo e da un intenso lirismo, ma soprattutto l’ideale equilibrio tra il naturalismo e l’artificiosità delle forme.
Prima di produrre quegli autentici capolavori della storia delle arti egli ebbe però modo di ampliare la sua esperienza con altri dipinti, che costituiscono il necessario passaggio intermedio tra le opere degli esordi e quelle della maturità.

La Primavera

La scena in un boschetto formato da alberi arancio e frutti; sullo sfondo di un cielo azzurro, sono disposti nove personaggi, in una composizione che ruota attorno al personaggio centrale, una donna con drappo rosso. Il suolo è composto da un prato formato da una gran varietà di specie vegetali e di fiori.
La Primavera nasconde vari livelli di lettura: uno strettamente mitologico, la cui spiegazione è ormai unanimamente condivisa; uno filosofico, legato principalmente alla filosofia dell’accademia neoplatonica; uno storico-dinastico, legato alle vicende contemporanee ed alla gratificazione del committente e della sua famiglia. Il senso complessivo dell’opera è ancora piuttosto oscuro e aperto alle più varie interpretazioni.
Secondo gli studiosi, l’opera di Boticelli si deve leggere da destra a sinistra. Seguendo questa teoria, ecco le identità dei protagonisti di questa immagine con il tema sulla primaver e secondo l’interpretazione mitologica i personaggi si trovano nel famoso giardino delle Esperidi: il primo da destra è Zefiro, vento di primavera che rapisce per amore la ninfa Clori, mettendola incinta; da questo atto la ninfa rinasce e si trasforma in Flora, ovvero la stessa primavera rappresentata come una donna coperta da un abito fiorito e che sparge a terra dei fiori.

Al centro del quadro si trova Venere, simbolo neoplatonico dell’amore più elevato, che osserva tutta la scena. Sopra di lei vola il figlio Cupido. Alla sua sinistra si trovano le tre Grazie che stanno danzando. Ancora più a sinistra si nota Mercurio, il messaggero degli dèi, raffigurato con le ali ai piedi, che col caduceo scaccia le nubi per conservare un’eterna primavera.

Il significato allegorico di questo capolavoro di Botticelli non è soltanto uno: ci sono innumerevoli letture teorizzate oggigiorno; tra le più importanti e condivise, qui riporteremo: una lettura che si riallaccia all’identità del committente, una lettura storica, ed infine, semplificheremo anche la più complessa lettura filosofica.

Per quanto riguarda l’interpretazione filosofica, il primo critico a mettere il dipinto direttamente in relazione con la cerchia di filosofici neoplatonici frequentata da Botticelli fu Aby Warburg nel 1893, che lesse la Primavera come la rappresentazione di Venere dopo la nascita, durante l’arrivo nel suo regno. Secondo Ernst Gombrich nella Primavera vi si narrerebbe come l’amore, nei suoi diversi gradi, arrivi a staccare l’uomo dal mondo terreno per volgerlo a quello spirituale: Zefiro e Clori rappresenterebbero la forza dell’amore sensuale e irrazionale, che però è fonte di vita (Flora) e, tramite la mediazione di Venere ed Cupido, si trasforma in qualcosa di più perfetto (le Grazie), per poi spiccare il volo verso le sfere celesti guidato da Mercurio.

botticelli tre gr mercurio

Secondo alcune letture dell’opera legate al committente i personaggi mitologici del dipinto sarebbero le rappresentazioni di personaggi fiorentini e delle loro virtù, come in una sfilata di carnevale. Poiché pare che l’opera sia stata inizialmente commissionata a Botticelli da Giuliano de’ Medici in occasione della nascita del figlio Giulio (futuro papa Clemente VII), avuto con Fioretta Gorini che egli avrebbe sposato in gran segreto nel 1478. Ma Giuliano morì nella congiura dei Pazzi ordita contro il fratello in quello stesso anno, un mese prima della nascita del figlio, per cui il quadro incompiuto venne “riciclato” dal cugino Pierfrancesco de’ Medici qualche tempo dopo per celebrare le sue nozze, inserendovi il suo ritratto e quello della moglie Semiramide Appiani, che si diceva essere donna dall’estrema bellezza.

In base ad altri ritratti dipinti da Botticelli, nei vari protagonisti della rappresentazione sono stai individuati vari personaggi di casa Medici: in particolare nelle tre Grazie sono state riconosciute Caterina Sforza (a destra), e Simonetta Vespucci (al centro), la fonte di ispirazione per la Nascita di Venere, che guarda sognante verso Mercurio-Giuliano de’ Medici.

Per la lettura storica, secondo Horst Bredekamp, si dovrebbe considerare il dipinto come allegoria dell’età dell’oro in epoca medicea. La presenza di Flora sarebbe pertanto un’allusione a Florentia e dunque alle antiche origini della città di Firenze. Le altre figure sarebbero città legate in vario modo a Firenze: Mercurio-Milano, Cupido (Amor)-Roma, le Tre Grazie come Pisa, Napoli e Genova, la ninfa Maya come Mantova, Venere come Venezia e Borea come Bolzano. Altri studi hanno invece ipotizzato che il dipinto sia una sorta di calendario agreste abbreviato della bella stagione: da febbraio (Zefiro) a settembre (Mercurio), nell’augurio di una primavera senza fine.

http://www.arteworld.it/primavera-botticelli-analisi/

http://www.adgblog.it/il-significato-della-primavera-di-botticelli/

che sia un Buon Inizio di Primavera per tutti voi 
sussurrato da fiori_7Luli

Festa del Papà


Our struggles make us seek enlightenment from those around us and the stars above. However, it is when we uncover the light within that we finally illuminate a path once enshrouded by our false sense of incompleteness.—Dodinsky:

Se mi tornassi questa sera accanto
lungo la via dove scende l’ombra
azzurra già che sembra primavera,
per dirti quanto è buio il mondo e come
ai nostri sogni in libertà s’accenda
di speranze di poveri di cielo
io troverei un pianto da bambino
e gli occhi aperti di sorriso, neri
neri come le rondini del mare.

Alfonso Gatto

a991cf293d88f8f42453fbf42ecef519.jpg (736×1131):

Mi basterebbe che tu fossi vivo,
un uomo vivo col tuo cuore è un sogno.
Ora alla terra è un’ombra la memoria
della tua voce che diceva ai figli:
– Com’è bella notte e com’è buona
ad amarci così con l’aria in piena
fin dentro al sonno – Tu vedevi il mondo
nel plenilunio sporgere a quel cielo,
gli uomini incamminati verso l’alba.

Alfonso Gatto

Made by: Milo Manara - (Father and Son on a Bike - Biking, Cycling):

“Un giorno, io lo so, mi accoglierai

e della morte svanirà il ricordo ma non l’amore,

e della vita svanirà il mistero ma non l’incanto”.

Marc Chagall

Stars...To catch and hold, how love unfolds...like the beauty of the night sky-you and I.:

Sussurrato dafiori_7 Luli

Kitsune o le Donne Volpi


Illustrations by Lisa Falzon website l shop:

Kitsune (狐 [kitsɯne],  è la parola giapponese per “volpe”. Le volpi sono un soggetto ricorrente e un elemento di particolare importanza nel folclore giapponese; in italiano, kitsune si riferisce ad esse in questo contesto. Secondo la mitologia giapponese la volpe è un essere dotato di grande intelligenza, in grado di vivere a lungo e di sviluppare con l’età poteri soprannaturali: il principale tra questi ultimi è l’abilità di cambiare aspetto ed assumere sembianze umane, infatti esse appaiono spesso con l’aspetto di una bella donna. In alcuni racconti esse utilizzano queste abilità per ingannare il prossimo — come sovente avviene nel folclore comune — mentre altri le ritraggono come guardiani benevoli, amiche, amanti e mogli. Più una kitsune è vecchia, saggia e potente, più code possiede, fino a un massimo di nove.

kitsunedance_meredithdillman_by_meredithdillman-d7kvyro.jpg (500×675):
Le kitsune sono strettamente accomunate alla figura di Inari, il kami shintoista della fertilità, dell’agricoltura e del riso: esse sono al suo servizio col ruolo di messaggere, e tale veste ha rafforzato il significato soprannaturale della volpe. Come conseguenza dell’influenza che esercitano sulle persone e dei poteri loro attribuiti, vengono venerate come fossero a tutti gli effetti delle divinità. L’origine storica del ruolo centrale della volpe nel folclore giapponese è da ricercare nella sua armoniosa convivenza con gli esseri umani nel Giappone antico, da cui derivano i vari miti e leggende su queste creature.
L’origine dei miti sulla kitsune sono attualmente oggetto di dibattito, ma vi è comunque la certezza che numerosi racconti sulle volpi possano essere ricondotti a Paesi quali Cina, Corea, India e Grecia; molte di queste prime storie sono contenute nel Konjaku Monogatarishū, una raccolta di narrazioni cinesi, indiane e giapponesi dell’XI secolo.

6fbeee3ac7d228b406a5d63e39aec0f1.jpg (752×1063):

I racconti popolari cinesi parlano di spiriti-volpi chiamati huli jing (kyūbi no kitsune in giapponese) che posseggono nove code quale peculiare caratteristica. In Corea vi è la figura del kumiho (letteralmente “volpe a nove code”), una creatura mitologica in grado di vivere cento o mille anni; essa è vista come un essere maligno, a differenza della sua controparte giapponese. Secondo alcuni studiosi le caratteristiche comuni presenti in ognuna di queste figure sarebbero da ricondurre a opere indiane quali Hitopadesa (XII secolo) e Pañcatantra (III secolo a.C.), le quali a loro volta avrebbero tratto ispirazione dalle Favole di Esopo (Grecia, VI secolo a.C.), che si diffusero successivamente in Cina, Corea e infine in Giappone.

Cattivi pensieri / Kitsune Fox Yokai / di TeaFoxIllustrations:
Il principale elemento di discussione riguardo ai miti sulla kitsune è quindi la difficoltà nell’individuare la loro origine precisa. Alcune correnti di pensiero ipotizzano che tali miti siano esclusivamente di origine straniera, mentre alcuni folcloristi nipponici ritengono il mito della kitsune una credenza indigena giapponese risalente al V secolo a.C.. Uno di questi, Kiyoshi Nozaki, è convinto che le kitsune fossero già diffuse e considerate un personaggio dai connotati positivi nella cultura popolare già dall’inizio del IV secolo; gli elementi importati dalla Cina o dalla Corea sarebbero unicamente le caratteristiche negative. Egli afferma che, secondo un libro del XVI secolo chiamato Nihon Ryakki, le volpi e gli uomini avrebbero convissuto nel Giappone antico, dando origine alle leggende giapponesi su queste creature.

The Wish by Tea Fox Illustrations #drawing #fantasy #illustration:

L’elemento “fisico” che più caratterizza una Kitsune è la sua coda, anche se una creatura simile può possederne più di una, ma ciò dipende dalla potenza e dall’età della Kitsune. Quando una Kitsune arriva ad avere nove code, il suo pelo diventa bianco, argenteo o dorato e prende il nome di Kyuubi no Kitsune (Volpe a Nove Code).

La parola Kitsune

La più antica storia di una demone-volpe-sposa è quella che poi ha dato vita alla parola Kitsune, oggi usata per indicare sia le normali volpi sia le youkai in contesto mitologico. Questa storia parla di una volpe che in sembianze di una bellissima donna si innamora di un umano, lo sposa e vive con lui, avendo anche dei figli nel corso dei loro anni insieme. Purtroppo un giorno lei viene costretta a rivelare la sua vera identità al marito in quanto viene spaventata da un cane (le kitsune hanno il terrore dei cani o lupi) e ritorna per nascondersi sotto le sue reali sembianze volpine.

Lumière de la lanterne.  - - - - - - - - - - - - - -  Taille totale: 8 x 10…:

Per via dei testimoni che hanno scoperto la sua reale identità, la donna-volpe è costretta ad abbandonare la casa ma il marito la ferma dicendo che ormai aveva trascorso troppi anni insieme a lei, ed è con lei che aveva avuto i suoi figli quindi non voleva e poteva dimenticarla; così dicendo convince la volpe al restare al suo fianco.

Non potendo più mostrarsi in casa, per via della gente, la volpe torna ogni notte con l’aspetto di donna e se ne va al mattino sotto le spoglie di volpe, per questo motivo che venne dato a queste creature il nome di Kitsune: Kitsu-Ne significa Viene e Dorme mentre Ki-Tsune significa Torna Sempre. Un’altra ipotesi che suggerisce l’origine di questa parola è legata ad un’onomatopea: Kitsu secondo i giapponesi è il verso delle volpi un pò come il miao del gatto o il bau del cane.

I giapponesi usano chiamare Kitsune no Yomeiri una pioggia o temporale a ciel sereno in riferimento ad una leggenda che racconta di un matrimonio tra queste creature in momenti di pioggia.

ce08422deac099dcb183c9ed0af40ef1.jpg (564×848):

Sussurrato dafiori_7 Luli

Ci sono le Donne


ANEMONES AND MIMOSA:

Ci sono le Donne.
E poi ci sono le Donne Donne.
E quelle non devi provare a capirle,
sarebbe una battaglia persa in partenza.
Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle,
e non dare loro il tempo di pensare.
Devi spazzare via,
con un abbraccio che toglie il fiato,
quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola,
una soltanto, a bassa, bassissima voce.
Perché si vergognano delle proprie debolezze e,
dopo avertele raccontate, si tormenteranno –
in un’agonia lenta e silenziosa – al pensiero che,
scoprendo il fianco,
e mostrandosi umane e fragili e bisognose
per un piccolo fottutissimo attimo,
vedranno le tue spalle voltarsi ed tuoi passi allontanarsi.
Perciò prendile e amale. Amale vestite,
che a spogliarsi son brave tutte.
Amale indifese e senza trucco,
perché non sai quanto gli occhi di una donna
possano trovare scudo dietro un velo di mascara.
Amale addormentate,
un po’ ammaccate quando il sonno le stropiccia.
Amale sapendo che non ne hanno bisogno:
sanno bastare a sé stesse.
Ma, appunto per questo,
sapranno amare te come nessuna prima di loro. ”

Donne al Quadrato Nel giardino dei ciliegi

 :

Sussurrato da fiori_7Luli

Buon 8 marzo RAGAZZE ❤

Huli jing o lo Spirito Volpe


4ee405babebf2f42584bd8cb1e1842f3.jpg (736×960):

Lo spirito volpe (狐狸精S, hǔli jīngP) è una figura della mitologia cinese , imparentata con le fate europee ( creatura leggendaria, presente nelle fiabe o nei miti di origine principalmente italiana e francese, ma che trova comunque figure affini nelle mitologie dell’Europa dell’Est.), le kitsune giapponesi e le kumiho coreane. Questi spiriti possono essere sia di natura buona che malvagia.
Nella mitologia cinese, coreana e giapponese si crede generalmente che tutte le cose siano in grado di assumere forme umane, poteri magici e immortalità, a condizione che ricevano a tal fine sufficiente energia. A questa energia appartengono ad esempio il respiro umano o l’essenza della luna o del sole. Gli spiriti volpe che si incontrano nella saghe e nelle leggende sono per lo più femminili ed hanno l’aspetto di donne giovani e belle.

THUMBELINA BY SUSAN JEFFERS:

Pertanto, questa figura mitologica è indicata spesso con il nome di donna volpe, “ovvero la donna che possiede le qualità – agilità, malizia, appetiti insaziabili, natura sfuggente – che la volpe ha nelle regioni del folclore e nel Classico della Poesia”.
Uno dei più noti spiriti volpe della mitologia cinese era Daji (妲己), che è ritratto nel romanzo Ming Fengshen Yanyi. Bella figlia di un generale, Daji fu obbligata a sposare il crudele tiranno Zhou Xin (紂辛 Zhòu Xīn). Uno spirito volpe a nove code che serviva Nüwa, che Zhou Xin aveva offeso, entrò in lei e si impadronì del suo corpo, scacciando l’anima della vera Daji. Lo spirito, sotto le spoglie di Daji, ed il suo nuovo marito ordirono crudeli complotti ed inventarono molte torture, come obbligare ufficiali onesti ad abbracciare pali di metallo rovente. 

 :

A causa di tali crudeltà, molte persone, compresi gli stessi ex generali di Zhou Xin, si ribellarono e combatterono contro la sua dinastia (quella degli Shang). Infine, il re Wen di Zhou, uno dei vassalli degli Shang, fondò una nuova dinastia che prese nome dal suo paese. Lo spirito volpe nel corpo di Daji fu poi scacciato da Jiang Ziya (姜子牙), il 1° Primo Ministro della dinastia Zhou.
Tipicamente gli spiriti volpe erano considerati pericolosi, ma molti racconti (ad esempio nella raccolta Racconti straordinari dello studio Liao di Pu Songling) hanno un lieto fine con una storia d’amore tra una donna volpe ed un giovane umano. In tali storie questi spiriti sono quindi rappresentati con emozioni umane, e sotto forma di donne (sempre giovani e belle…) possono perfino sposarsi ed avere figli.

meredith_dillman-qs-maple-kitsune_1jpg.image.571x800.jpg (571×800):

Molti di questi racconti furono scritti da eruditi cinesi e alcuni sinologi ritengono che nella figura della donna volpe – dotata di una forte carica sensuale e oggetto al tempo stesso di attrazione e repulsione – gli autori trovassero una sorta di compensazione sul piano erotico alle frustrazioni della vita quotidiana e della rigida società dell’epoca.
Nel moderno gergo cinese e cantonese, il termine huli jing è un’espressione dispregiativa per descrivere una donna che usa il suo fascino per sedurre gli uomini (specialmente quelli sposati) allo scopo di sfruttarli. In questo senso, è affine alla figura della femme fatale della cultura europea.
Lo spirito volpe è stato utilizzato anche come un fattore esplicativo nell’incidenza degli attacchi di koro o sindrome della retrazione genitale, una psicosi legata alla sessualità diffusa in particolare tra alcuni gruppi etnici della Cina meridionale e della Malesia.

Huli+Jing,+Fox+Spirit.jpg (815×1024):

Se nella vita si vuol far la parte del leone, bisogna indossar pelle di volpe.
Oscar Wilde

Sussurrato dafiori_7 Luli

È arrivato il Carnevale


Illustration by Ciro Marchetti:

È arrivato il carnevale,
conquistando monti e mare.
È arrivato tutto matto,
si è mascherato anche il mio gatto.
Su di un carro maestrale ecco il re del Carnevale.
Capelli ricci, corona in testa,
tutti intorno gli fan festa,
mentre dondola la testa.
Ha la giacca a doppio petto,

schmidt-spiele-ciro-marchetti-caravane-de-cirque-puzzle-1000-pieces.52635-1.fs.jpg (1500×1065):
esce fuori il suo pancione,
assomiglia a un panettone.
I calzoni corti a righe,
le scarpe col taccone,
con un grosso medaglione.
Ma che burla è il Carnevale, su quel carro maestrale.
Tanto ricco di frittelle, mandorlati e caramelle.
Tenerelli in quantità, una valanga di bontà.
Di coriandoli e palline, tante belle mascherine.
È una grande scorpacciata di simpatica allegria,
vieni a farci compagnia.
Viva, viva il carnevale, abbandona ogni male.

manipulation-ciro-marchetti.jpg (466×700):

Sussurrato dafiori_7 Luli

Victor Nizovtsev : Quando l’arte diventa fiaba


“Cerco di dare qualcosa per il cuore, per l’anima e per gli occhi.” 

Victor Nizovtsev.

Floating on a dream art Victor Nizovtsev:

Goodnight Moon art

Victor Nizovtsev, pittore contemporaneo di origini russe, nato nel 1965 in una città della Siberia centrale la città di Ulan-Ude vicino lago Baikal.
Attualmente risiede negli Stati Uniti dove prosegue la sua carriera artistica riscuotendo un meritatissimo successo, ma è in Russia che ha avuto avuto inizio la sua formazione entrando già all’età di 9 anni alla Scuola d’Arte Kotovsk per bambini fino a laurearsi all’Università di Vera Muhina per le Industrie Artistiche a San Pietroburgo.
La sua tecnica prevede la pittura ad olio e i soggetti che dipinge sono principalmente figurativi e caratterizzati da un’atmosfera fantastica, ma si diletta anche in nature morte dando dimostrazione di un realismo davvero notevole. L’ispirazione arriva dai ricordi d’infanzia, dalle tradizioni russe e dalla mitologia greca, da altri pittori del passato, e tutto questo emerge dalle sue tele. Victor Nizovtsev immerge l’osservatore in un mondo immaginario popolato da creature fantastiche, dove dominano la bellezza e la magia, avvolte in sfumature dorate che rapiscono lo sguardo. Tra queste creature spiccano senz’altro le sirene, che Victor ha più volte esaminato in una serie di dipinti. Incantevoli donne dai cappelli rossi, ricordano molto lo stile di Klimt e la sua elevazione della figura femminile in tutto il suo fascino, impreziosita ancor più da alcuni dettagli in oro.

Victor Nizovtsev pittore Russo:

Dreams

 

“Spero che i miei quadri diano alla gente un piccolo assaggio della loro infanzia e ispirerà le loro storie. Come l’infanzia stessa, il mondo dei miei quadri non ha regole restrittive. E ‘veramente un mondo dove tutto è possibile e tutto è intrigante. Potete vedere scorci di realtà nel mio lavoro, ma questi hanno senso solo se si guarda a loro con gli occhi di un bambino. Noi adulti invidiamo la capacità dei bambini di sospendere le convinzioni e vedere il mondo senza preconcetti. Spero che i miei quadri forniscano un piccolo ingresso in quel mondo dell’infanzia.” Victor Nizovtsev.

Victor+Nizovtsev:

Choiches

 

Victor crede molto nei bambini, nei loro cuori innocenti e quegli occhi pieni di vita e spensieratezza. Li rende protagonisti di molti suoi dipinti avvolgendoli nelle ambientazioni fiabesche che caratterizzano la sua pittura. Spesso sono accompagnati da figure più anziane, che rievocano il rapporto tra nonni e nipoti, creando così atmosfere ancora più familiari, accoglienti e toccanti.

“La maggior parte delle persone con cui sono cresciuto erano di umili origini, lavorando nei campi e nelle aziende agricole. Potete vedere questo nei miei quadri. Le storie e i volti di queste persone, quelli con cuore grande, le mani callose e gli occhi sorridenti, vivono nella mia immaginazione e mi forniscono ispirazione senza fine.” Victor Nizovtsev.

Vi lascio ammirare alcune dei suoi fiabeschi dipinti. visitando la sua galleria dove troverete anche altre sue riflessioni sulla sua incantevole arte.

Dreams art Victor Nizovtsev:

Dreams

Sussurrato da fiori_7Luli

La terra girò per avvicinarci


Star Blossom cliff, Megatruh......................... Lonely on the edge of the

La terra girò per avvicinarci
girò su se stessa e dentro di noi
fino ad unirci finalmente in questo sogno,
come fu scritto nel Simposio.
Passarono notti, nevi, solstizi;
passò il tempo in minuti e millenni.
Un carro che andava a Ninive arrivò a Nebraska.
Un gallo cantò lontano dal mondo.
La terra girò musicalmente
con noi a bordo;
non cessò di girare un solo istante,
come se tanto amore, tanto miracolo
fosse solo un adagio già scritto molto tempo fa
tra le partiture del Simposio.

。。:

La tierra giró para acercarnos
La tierra giró para acercarnos,
giró sobre sí misma y en nosotros,
hasta juntarnos por fin en este sueño,
como fue escrito en el Simposio.
Pasaron noches, nieves y solsticios;
pasó el tiempo en minutos y milenios.
Una carreta que iba para Nínivellegó a Nebraska.
Un gallo cantó lejos del mundo,
en la previda a menos mil de nuestros padres.
La tierra giró musicalmente
llevándonos a bordo;
no cesó de girar un solo instante, como si tanto amor,
tanto milagro sólo fuera un adagio hace mucho ya escrito
entre las partituras del Simposio.

Kheled-zâram, the Mirrormere.  "There like jewels sunk in the deep shone glinting stars, though sunlight was in the sky above. Of their own stooping forms no shadow could be seen.  'O Kheled-zâram fair and wonderful!' said Gimli. 'There lies the crown of Durin till he wakes.'   megatruh:

Sussurrato da fiori_7Luli

Ode al Gatto: Gigia!


Non esistono gatti normali:

Gli animali furono
imperfetti, lunghi
di coda, plumbei
di testa.
Piano piano si misero
in ordine,
divennero paesaggio,
acquistarono in grazia, volo.
Il gatto,
soltanto il gatto apparve completo
e orgoglioso:
nacque completamente rifinito
cammina solo e sa quello che vuole.

Artist | Stephen Mackey:

L’uomo vuol essere pesce e uccello,
il serpente vorrebbe avere le ali,
il cane è un leone spaesato,
l’ingegnere vuol essere poeta,
la mosca studia la rondine,
il poeta cerca di imitare la mosca,
ma il gatto
vuole esser solo gatto
dai baffi alla coda,
dal fiuto al topo vivo,
dalla notte fino ai suoi occhi d’oro.

:

Non c’è unità come la sua,
non hanno
la luna o il fiore
una tale coesione:
è una sola cosa
come il sole o il topazio,
e l’elastica linea del suo corpo,
salda e sottile, è come
la linea della prua di una nave.
I suoi occhi gialli
hanno lasciato una sola
scanalatura
per gettarvi le monete della notte.

Tree Cat by Jane Crowther and Amy Butcher:

Oh piccolo
Imperatore senz’orbe,
conquistatore senza patria,
minima tigre da salotto, nuziale
sultano del cielo
delle tegole erotiche,
il vento dell’amore
nell’aria aperta
reclami
quando passi
e posi
quattro piedi delicati
sul suolo,
fiutando,
diffidando
di ogni cosa terrestre,
perché tutto
è immondo
per l’immacolato piede del gatto.

Becca Joy Campbell (1988-2014) — Cat Kitten Tea and Cake Chocolate (1169x1600):

Oh fiera indipendente
della casa, arrogante
vestigio della notte,
neghittoso, ginnastico
ed estraneo,
profondissimo gatto,
poliziotto segreto
delle stanze,
insegna
di un
irreperibile velluto,

❤WHAT A GREAT PLACE TO SIT AND WATCH IT RAIN …. PLUS THE FACT - HE WON'T GET WET……THE BEST OF ALL WORLDS…………ccp:

probabilmente non c’è
enigma
nel tuo contegno,
forse non sei mistero,
tutti sanno di te ed appartieni
all’abitante meno misterioso,
forse tutti si credono
padroni,
proprietari, parenti
di gatti, compagni,
colleghi,
discepoli o amici
del proprio gatto.

#Arte ☆ #Ilustração * " Cat nas Nuvens e Lua " ☆:

alla mia Gigina fiori_7Luli