Carnevale



Le prime notizie sul Carnevale, all’inizio un vero e proprio rito religioso,

risalgono ai tempi degli Egiziani. All’epoca dei faraoni, il popolo, mascherato,

intonando inni e lodi, accompagnava una sfilata di buoi

che venivano sacrificati in onore del dio Nilo.

Se i Greci dedicavano il rito al dio del vino Dionisio,

è soprattutto nel mondo romano e delle sue feste popolari,

che possiamo ritrovare le origini del nostro carnevale.

I Romani si lasciavano prendere dall’euforia durante i Baccanali:

festeggiamenti in onore del dio Bacco che si svolgevano lungo le strade della città

e prevedevano l’uso di maschere, tra fiumi di vino e danze.

Famosa era anche la festa di Cerere e Proserpina, che si svolgeva di notte,

in cui giovani e vecchi, nobili e plebei si univano nell’entusiasmo dei festeggiamenti.

In marzo e dicembre era poi la volta dei Saturnali, le feste sacre a Saturno, padre degli dei,

che si svolgevano nell’arco di circa sette giorni durante i quali gli schiavi

diventavano padroni e viceversa,

dove il “Re della Festa”, eletto dal popolo, organizzava i giochi nelle piazze,

e dove negli spettacoli i gladiatori intrattenevano il pubblico.

Negli anni i Saturnali divennero sempre più importanti, all’origine infatti duravano solo tre giorni,

poi sette finché, in epoca imperiale, furono portati a quindici.

Ai Saturnali si unirono le Opalia, in onore della dea Ope moglie di Saturno,

e le Sigillaria, in onore di Giano e Strenia.

Con il cristianesimo questi riti persero il carattere magico e rituale

e rimasero semplicemente come forme divertimento popolare.

Durante il Tardo Medioevo il travestimento si diffuse nei carnevali delle città.

In quelle sedi il mascherarsi permetteva lo scambio di ruoli,

il burlarsi di figure gerarchiche,

le caricature di vizi o malcostumi con quelle stesse maschere che sono

poi diventate simbolo di città e di debolezze umane.

Nel Rinascimento i festeggiamenti in occasione del Carnevale furono introdotti anche nelle corti europee

ed assunsero forme più raffinate, legate anche al teatro, alla danza e alla musica

La festa carnevalesca raggiungerà il massimo splendore nel XVI secolo,

nelle strade della Firenze di Lorenzo dei Medici.

Danze, lunghe sfilate di carri allegorici e costumi sfarzosi segnano una svolta di questa festa,

amatissima nella culla rinascimentale.

Con gli attori della Commedia dell’Arte, alla fine del ‘500,

alcuni dei tipici personaggi carnevaleschi

prendono forma e vengono caratterizzati nel linguaggio e nella gestualità.

Nascono “le maschere” che penetrano nella tradizione collettiva

e ci accompagnano ancora oggi.

La galleria delle maschere italiane è vasta.


Sussurrato daLuli

2 thoughts on “Carnevale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...