Le fate di Cottingley


fata_cottingley midsuml

he cosa c’entra Conan Doyle con le fate di Cottingley?

C’entra molto. Fu infatti proprio Conan Doyle

a diffondere negli ambienti teosofici ed esoterici di tutto il mondo

la notizia delle apparizioni delle fate a Cottingley,

prima con due articoli sullo Strand Magazine,

del dicembre 1920 e marzo 1921 e quindi con un libro,

The Coming of the Fairies (“La venuta delle fate”), pubblicato a Londra nel 1922

e quindi in una seconda edizione ampiamente rivista nel 1928.

falll[1]

Il volume non era mai stato tradotto in italiano,

fino a quando nel 1992 uscì da SugarCo

– con il titolo Il ritorno delle fate e con la riproduzione

delle fotografie originali conservate dalla biblioteca dell’Università di Leeds

– in un’edizione curata dal sottoscritto e dallo specialista americano Michael W. Homer.

Anche i lettori italiani potevano così scoprire una curiosa verità su Conan Doyle:

lo stesso romanziere che aveva messo in scena il trionfo della ragione deduttiva con

Sherlock Holmes era stato un fervente difensore della credenza delle fate.

fata_cottingley3

Ma che cosa era successo, precisamente, ottant’anni fa a Cottingley?

In quell’anno una bambina di nove anni, Frances Griffiths (1907-1986)

si era trasferita nella località dello Yorkshire dal Sudafrica,

andando a vivere insieme con la madre in casa di una zia materna

che aveva una figlia di sedici anni, Elsie Wright (1901-1988).

moondustm[1]

Un giorno Frances ed Elsie tornano a casa bagnate. Rimproverate,

spiegano che presso un ruscello si sono sporte per vedere le fate.

Trattate da bugiarde, chiedono in prestito la macchina fotografica del padre di Elsie,

e tornano a casa con una fotografia dove Frances è circondata da quattro fate danzanti.

fata_di_cottingley5

A questa prima foto, del luglio 1917, ne segue in settembre un’altra

che mostra Elsie con uno gnomo.

La famiglia non dà troppa pubblicità alle apparizioni,

ma la madre di Elsie partecipa alle attività della Società Teosofica e

nel 1919 trasmette le fotografie a Edward L. Gardner,

un’autorità fra i teosofi in materia di spiriti.

Gardner ne parla all’amico Conan Doyle che,

razionalista e ostile al Cristianesimo e ai miracoli,

è però un attivo spiritista e si interessa a tutta una serie di fenomeni occulti.

unseenl[1]

 

Il romanziere prega Gardner di indagare nello Yorkshire e,

quando il teosofo conferma che le ragazzine sembrano degne di fede,

si lancia a capofitto nella propaganda internazionale dell’episodio.

Confida che con il primo articolo sullo Strand Magazine

pensa di avere innescato una “bomba ad orologeria.

fata_di_cottingley7

Posso immaginare il grido di ‘Falso!’ che farà sorgere.

Ma le fotografie resisteranno all’investigazione.

E’ una cosa che, naturalmente, non ha niente a che fare con lo spiritismo in senso proprio.

Ma qualunque cosa che può scuotere la mente dalle sue ristrettezze

e farle comprendere che mondi senza fine ci circondano,

separati solo da una differenza di vibrazione,

potrà lavorare nella generale direzione della verità”.

springl[1]

Conan Doyle si considerava un esperto di fotografia,

e aveva esaminato le prime due fotografie –

e le altre tre scattate dalle ragazze di Cottingley nel 1920

– senza trovare nessun sintomo di trucco o di doppia esposizione.

Le fotografie tuttavia non hanno “resistito all’investigazione”.

In anni più recenti, esperti più simili allo scettico Sherlock Holmes,

che al credulo Conan Doyle le hanno riesaminate, e hanno concluso che

– senza bisogno di doppia esposizione

le bambine hanno semplicemente collocato nei prati di Cottingley

delle banali silhouette, delle fate di cartone, che poi hanno fotografato.

fata_di_cottingley9

Ironia della sorte, la prima e più celebre fotografia

sembra ispirata a un disegno di un libro per bambini del 1914,

il Princesse Mary’s Gift Book,

a cui aveva contribuito lo stesso Conan Doyle.

Nel bel mezzo di una serie di articoli sul “sorprendente caso

delle fate di Cottingley” pubblicati tra il 1982 e il 1983

dall’autorevole The British Journal of Photography,

il caso diventa veramente “sorprendente”.

winterm[1]

La più vecchia delle bambine di Cottingley, Elsie – ormai un’anziana signora

– scrive e confessa che si trattava proprio di fate di cartone,

di uno “scherzo, che è stato ora smascherato”,

iniziato per gioco e sostenuto per anni per non creare problemi

alla madre teosofa di Elsie e al povero Conan Doyle.

La rivista rintraccia anche Frances, la cui versione è diversa: sì,

le fate sono di cartone nelle prime quattro fotografie,

ma non nella quinta che “è una vera fotografia di vere fate”.

fate-di-cottingley-10

Per Frances le fate esistono,

ma nessuno avrebbe creduto alla loro esistenza se

– attraverso le prime quattro fotografie

– non avessero corredate di prove false una storia vera.

Oggi anche la quinta fotografia viene messa in discussione dagli esperti,

ma certo a rigor di logica Frances (che è morta nel 1986) aveva ragione.

summerm[2]

Sussurrato daLuli

Annunci

2 thoughts on “Le fate di Cottingley

  1. Ciao mi chiamo Francesca …e da poco mi sono costruita un blog: Magie di Elfo, mi farebbe piacere e utilizzare qualche gadget di quelli che hai utilizzato tu…anche se non so ancora come fare…..ma volevo chiederti il consenso a prelevare qualche immagine….indipendentemente dalla tua risposta ti ringrazio per l’attenzione e rimango in attesa di tue notizie
    grazie.

  2. Ciao Francesca, non sono riuscita trovare il tuo blog, comunque volevo dirti, se mi fai saper quali sono le immagini che ti interessano, è possibile che io ne abbia altre di simili e potrei mandartele. (quando faccio un lavoro di grafica ne creo più di una) purché tu non le tagli e ne lasci il Copyright ©. Inoltre se riusciamo a metterci in contatto posso magari farti avere l’immagine sulla festa del papà … a presto Luli.
    Ps. grazie per i complimenti e soprattutto per la cortese educazione che hai avuto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...