Serenella Biancofiore e Biancospino


marluli-my copyright 2016  Biancospino:

grafica MarLuli-my 2016 (c)

Il biancospino fatato è sacro e inviolabile poiché segna i territori delle fate, soprattutto quando un cespuglio solitario cresce spontaneamente in un campo aperto. Abbattere un biancospino porta calamità e disgrazie poiché significa disonorare o non rispettare i territori delle fate che vivono vicino a noi. 

Onorando il sacro biancospino, gli abitanti del Mondo di Mezzo acquisiscono la capacità di curare e proteggere la santità di ogni aspetto della vita e, in questo modo, divengono più saggi. L’albero o il cespuglio di biancospino fatato ci ricorda la presenza delle fate che vivono nelle vicinanze. Segna i territori delle fate e il terreno circostante è benedetto dalla sua presenza. La saggezza popolare ci informa che è pura follia tagliare o danneggiare un biancospino, soprattutto se si tratta di un albero solitario che cresce in uno spazio aperto e segna il confine tra vicini, nei pressi di un pozzo sacro, di un cerchio delle fate o di una casa.  Persino la “gente di città” costruisce piccoli cortili all’interno dei complessi urbani per i biancospini solitari, temendo di incorrere nell’ira delle fate. Nessuna meraviglia che, come dice la tradizione, tagliare un biancospino sia punito con terribili sciagure e persino con la morte. Praticamente dovunque, nell’lrlanda rurale, si narra la storia di un uomo che volle ignorare il consiglio dei suoi vicini, tagliò un biancospino e morì poco tempo dopo. Un ben noto incidente, avvenuto non molto tempo fa nella contea di Antrim, viene raccontato da Jim Grant di Belfast: -Alcuni anni fa, durante la costruzione di un’immensa fabbrica, un biancospino non venne nemmeno sfiorato dagli operai. I “ragazzi” del posto abbatterono tutto il resto ma non lo toccarono ne lo disturbarono in nessun modo. La compagnia, alla fine, lo fece togliere da un inglese. L’uomo abbatte l’albero e strappò le radici con un bulldozer. La fase successiva era quella di interrare dei pilastri di cemento larghi 30 centimetri e alti 3 metri, per mettere le fondamenta. Li piantarono, ma quando tornarono la mattina dopo erano tutti spostati di un metro! … Così li dovettero sistemare di nuovo. Il mattino dopo, i pilastri erano spostati sempre di un metro ma nella direzione opposta rispetto alla prima volta! … Così fecero una riunione per scoprire di chi fosse la colpa… L’uomo più basso dell’assemblea si alzò in piedi e disse: “L’unico modo in cui potrete costruire la vostra fabbrica è rimettendo il nostro albero dove si trovava”. E gli altri ribatterono: “Come facciamo, dato che lo abbiamo tagliato?” L’uomo rispose: “Fatelo innestare”. Nessuno gli credette, all’inizio, naturalmente… Allora chiamarono uno specialista di alberi olandese. Questi innestò le radici sull’ albero. Adesso c’è un cortile in mezzo alla fabbrica con al centro un albero di biancospino. Nessuno ha più visto l’uomo delle fate ma il biancospino cresce rigoglioso. Secondo la tradizione, il biancospino fiorisce il primo maggio, indicando l’arrivo dell’estate. Sempre inclini a festeggiare, le fate lo amano non solo per le sue spine protettive ma anche per l’allegria che la bella stagione porta con sé.

Una delle storie della tradizione elfica italiana tramandata a voce da millenni. Con i sussurri è giunta a noi, ha viaggiato nel folto delle foreste, si è arrampicata attraverso i secoli.  Ed allora leggiamo insieme la storia della ninfa Biancofiore.

C’era una volta in mezzo ai campi, lungo la strada maestra, una povera casa che somigliava a quelle disegnate dai bimbi, con una porticina, due finestre e un comignolo sul tetto, cinta da una siepe di spino brulla d’inverno, arida e polverosa nella buona stagione. Un comignolo fumava sempre, perché nonna Saveria alimentava il fuoco con rami verdi, spesso umidi, raccolti qua e là per i greti dei fossati, o per le callaie. Ma fuscelli, giunchi, foglie servivano per cuocere un po’ di cibo a Serenella, la nipotina, e per riscaldare durante l’inverno. Nonna Saveria, piccola, bianca, secca, con le mani quasi trasparenti, filava sempre accanto al focherello e vendeva le matasse ad un mercante che passava per il villaggio; Serenella, bionda più d’una spiga, chiara negli occhi come la primavera, porgeva i bioccoli di lana, riponeva le matassine filate, e se ne stava lunghe ore pensosa, senza giochi e senza letizia, come se per la felicità le mancasse qualche cosa. Un giorno il comignolo non innalzò il suo pennacchio di fumo, perché nonna Saveria rimase a letto con la febbre e tosse Serenella non trovò più fuscelli nel cesto accanto al focolare, più farina nella madia, più lana da filare nel cassettone. Era inverno e fuori la terra era gemmata di brina, le piante stellate di ghiaccioli, i fossi lucenti di specchi di ghiaccio; e la nonna tossiva penosamente, senza chiedere nulla per se, trepida solo della nipotina, che doveva aver freddo e fame. Serenella si guardò intorno sgomenta, e udì una vocina sottile sottile che la chiamava; la voce veniva dal focolare e la bimba non tardò molto a scorgere la testina nera di un grillo, il quale veniva fuori da un buco con archetto e violino, per mettersi in un angolo e intonare:

This beautiful Lime Tree Flower Fairy Vintage Print by Cicely Mary Barker was printed c.1950 and is an original book plate from an early Flower Fairy book. Cicely Barker created 168 flower fairy illustrations in total for her many books.:

Serenella, Serenella!

Per le rive, per la neve,

c’è una bianca reginella

ben ravvolta in nube lieve

esci dunque, Serenella!

La bimba rimase perplessa, ma, poiché il grillo del focolare seguitava a dirle quelle parole misteriose, aspettò che la nonna si assopisse, quindi si ravvolse in un vecchio scialle e uscì pian piano, pensando: -Troverò qualche giunco e farò un focherello a nonnina. Camminò pel sentiero, trascinandosi dietro gli zoccoli, stringendosi sul petto i lembi dello scialle, cercando con gli occhi qua e là: ma le vecchie foglie erano fradice, qualche fuscello abbandonato si spezzava tra le dita, consumato dal gelo. dolcemente le trecce bionde, che uscivano al di sotto dello scialle. Mentre si curvava al ceppo d’una quercia con ostinata e fiduciosa ricerca, si sentì tirare:

 :

– Che fai, bambina?

Serenella sollevò i suoi chiari occhi primaverili e vide una giovane donna, bianca come la neve, vestita di veli, quasi trasparente sullo sfondo della campagna, come fosse composta di vapori tenui. Lo splendore argentato della visione era rotto dall’oro dei capelli, un oro pallido, diffuso, come raggio di sole attraverso le nubi invernali.

-Pochi fuscelli gelati, – disse la strana apparizione, – durerebbero poco e non toglierebbero nulla alla tua fame e a quella della tua nonna. Ascoltami ti darò molta lana, tu la filerai e porterai il lavoro compiuto a questa quercia; batterai tre colpi sul tronco, chiamando Biancofiore, io verrò fuori, prenderò le matassine e ti darò nuova lana: così tutte le settimane. In compenso troverai nella tua casa fuoco e cibo.

Serenella disse: -Sì! Sì – con un trillo di gioia, senza pensare che non aveva mai provato a reggere la conocchia e a prillare il fuso. Biancofiore le caricò le braccia di filoni di lana e sparì in uno scintillio di nebbia. La bambina trotterellò verso casa con quel peso inusitato, un po’ traballando sugli zoccoli, con le manine intirizzite, ma con il cuore traboccante di una gioia strana. Trovò sul focolare un bel fuoco crepitante su da un ceppo, tutto braci rosse e fiammole azzurre; appesa ad una catena c’era una pentola da cui si sprigionava col vapore uno squisito odor di brodo; nella madia molto pane, sul cassettone un decotto per la nonna. Serenella servì la vecchietta e prese il suo posto accanto al focolare con la conocchia erta da un lato e il fuso pendente dall’altro: com’era difficile reggere l’una e muovere l’altro! I bioccoli di lana sfuggivano, si spargevano a terra, non obbedivano alle dita della bimba, che cercava di torcerli; il fuso, poi, si ostinava a rimaner fermo, e, se roteava, faceva sbalzi improvvisi, rompendo il filo attaccato con tanta fatica. Serenella non si sgomentava: rizzava la conocchia, raccoglieva i bioccoli dispersi, torceva, prillava, riprovava, con una perseveranza che le veniva dal cuore. Finalmente, le ciocche di lana si assottigliarono in filo, e il fuso girò con ritmo abbastanza regolare. Alla fine della settimana tutta la lana era filata: un po’ grossa, con qualche nodo, a matasse non ben ravviate; ma Serenella disse a Biancofiore, presso la vecchia quercia: è la prima lana che filo; quest’altra volta farò meglio.

Poplar Flower Fairy Vintage Print c1950 Cicely by TheOldMapShop:

Biancofiore prese alcuni fili, li foggiò a forma di stella e disse: -Appendile alla siepe della tua casa. Le diede nuova lana e sparì con un barbaglio di nuvola.

Serenella camminò per i campi, tra le falde di neve che cominciavano a turbinare nell’aria, e quando fu presso la brulla siepe che circondava la sua dimora si fermò per appendere ad uno sterpo le stelline di lana di Biancofiore: ma qualcosa frullò sul suo capo; un battito d’ala e un uccello piccolo e gramo le si posò sulla spalla,

– Dammi quelle stelline! La bimba, ancora un poco spaurita dal volo improvviso, rispose:

– Non posso; devo obbedire a Biancofiore. L’uccello cinguettò dolcissimamente: -Sono Trillodoro, l’usignolo di maggio. Al cader dell’autunno avevo male ad un’aluccia e non potei volare in paesi più caldi. Abito in un buio gelido e le mie piume non bastano a ripararmi dai soffi del vento: dammi le tue stelline; voglio farmi un nido per non morir di freddo. Serenella si commosse e diede le stelle di lana all’usignolo che frullò via tra i fiocchi di neve.

 :

Così per tutta l’invernata Biancofiore, mentre consegna la lana da filare, formava stellin di filo: – Appendile alla siepe de la tua casa. Ma Serenella donava le minuscole stelle a Trillodoro, ci veniva sempre ad incontrarla al ritorno.

Un giorno, -non c’era – neve e l’aria inazzurrata sapeva di viole, – Biancofiore disse alla bimba: – Raccogli le mie stelline di lana e portale al ceppo della quercia.

Serenella s’allontanò sgomenta, affondando gli zoccoli nell’erba umida, che cresceva a ciuffi tra gli specchi d’acqua; i salici, i giacinti di penduli fiori d’oro, ondeggiarono sul suo capo come per confortarla, come per suggerirle un’idea: e questa venne perché, appena a casa, la bambina chiamò: – Grillo del focolare!

Il grillo canterino venne fuori e chiese – cosa desideri? – Biancofiore vuole le sue stelline di lana.

Il piccolo musicista intonò sul violino: –

Stelle di lana,

stelle di luna darò nel maggio,

 a notte bruna.

Serenella tornò sui suoi passi, bussò al vecchio albero e Biancofiore, vestita ora di veli glauchi e viola come l’aria di primavera, ripete timida, pavida le parole del grillo.

-Va bene: aspetterò maggio. La bimba lavorò ancora,ma si rattristava delle margheritine che costellavano i prati, i mandorli e dei meli che sfiorivano, dei melograni che rossegiavano di fiori, del sole che si faceva più vivo, delle rondini che garrivano, garrivano la gioia nei cieli, delle prime rose che si aprivano; insomma, di tutte quelle cose meravigliose che annunziano maggio.

La sera di calendimaggio, allorché la luna inondò di chiarità i campi, Serenella udì cantare nella siepe: era un canto di gioia ed ella ne capì improvvisamente le parole:

 :

grafica MarLuli-my 2016 (c)

L’usignolo Trillodoro

t’ha portato il tuo tesoro

di stelline piccoline, tutte bianche,

tutte in fiore,

per la ninfa Biancofiore.

La bambina uscì e vide che la siepe di spino era tutta fiorita di bianco, meravigliosamente; la fragranza inondava l’aria  pareva una sola cosa con il canto dell’usignolo.

– Grazie, Trillodoro! Porterò subito un fascio di biancospino a Biancofiore!

La ninfa, come avesse udito le sue parole, le apparve vestita questa volta di raggi di luna: le fece una carezza lieve sui capelli e sparì nella chiarità diffusa.

A quella carezza Serenella capì che si può essere felici in una casa con una porticina, due finestre, un comignolo sul tetto simile a quelle disegnate dai bambini, con un grillo sul focolare, una siepe di biancospino, un usignolo che canta. Capì che la felicità è fatta cose piccine nate dal cuore.

May Flower Fairy Vintage Print, c.1927 Cicely Mary Barker Book Plate Illustration:

Sussurrato daLuli
Annunci

William Shakespeare


Il mistero che avvolge l’identità di William Shakespeare è noto ed è stato molto discusso. Quel che è meno enigmatico è il fatto che egli sia stato immerso in quel clima storico-culturale di generale fermento e ‘rinascita’che si suole denominare col termine ‘Rinascimento’. Nel XVI e XVII secolo, il proliferare di trattati ad uso degli artisti e di libri di emblemi, tra cui la nota Iconologia del Ripa, costituisce uno dei fenomeni più rilevanti della cultura del Rinascimento, dovuto a quella sensibilità visuale, visiva, ‘pittorica’ che caratterizza l’epoca.

E tale sensibilità, il pensiero ‘emblematico’, ha esercitato un’influenza notevole su Shakespeare. Un altro tratto distintivo dovuto al pensiero rinascimentale è l’idea delle ‘arti sorelle’. Il presupposto fondamentale su cui si basa la teoria umanistica della pittura tra XV e XVIII secolo è quello per il quale il poeta è simile al pittore. La matrice di tale teoria affonda le proprie radici nell’antichità, in Aristotele e Orazio, e viene riscoperta, in epoca rinascimentale, nella tendenza radicata ad associare le due arti. Un’altra caratteristica dovuta alla cultura rinascimentale è il pensiero esoterico.La componente esoterica è più che mai evidente nella produzione artistica. I quadri tendono a parlare un  linguaggio simbolico, ermetico. Questa fase nella storia dell’arte occidentale rientra nel capitolo del Manierismo e precede l’affermazione del Barocco. Inserita nel momento di trapasso dal rinascimento al barocco, la scrittura manierista si contraddistingue per una tendenza all’esasperazione, avvalendosi di artifici stilistici, arrivando a scompaginare l’architettura logica alla quale viene contrapposta una diversa visione del mondo. Così come avviene per le arti figurative, in questa epoca, anche la letteratura intrattiene relazioni privilegiate con l’esoterismo. Manierismo e scienze occulte sono compagni di letto. L’intero universo è considerato come un grande teatro di specchi, per usare le parole di Fernando Pessoa “tutto è simbolo e allegoria”

Nell’Inghilterra elisabettiana sorsero diverse correnti filosofiche ed esoteriche di cui si dice il nostro personaggio facesse parte. Che egli appartenesse alla confraternita dei Rosacroce o meno, non si può ignorare che in alcuni dei suoi drammi emerge una sapienza talmente estesa e profonda che sembra affondare le proprie radici nell’ermetismo e nella Cabala. Shakespeare, probabilmente, attinse da tutti questi insegnamenti e dottrine esoteriche i temi che elaborò interiormente per creare le sue grandi opere. Soprattutto nelle ultime realizzazioni si nota un linguaggio misterico che fece pensare all’autore come ad un grande iniziato che operava sotto falso nome. Così, il cigno di Avon sembra muoversi in un’aura enigmatica, come uno spirito libero, in possesso di concetti misterici ben definiti. Nonostante si combattesse molto contro la magia e le sue derivazioni, è innegabile che nel Rinascimento essa fosse un fatto culturale, e la letteratura dell’epoca era densa di significati occulti.

Le grandi creazioni di Shakespeare – Amleto, Lear, Macbeth, Prospero – sono considerate appartenenti alle fasi tarde della filosofia occulta rinascimentale che fu la filosofia dell’età elisabettiana. Amleto è ossessionato dal fantasma, Macbeth incontra le streghe. Il Macbeth, insieme alla Tempesta, è una delle opere più ‘esoteriche’ di Shakespeare, dove per‘esoterismo’ si intende, come indica il significato etimologico del termine, ciò che è interno, nascosto, segreto, dotato di un linguaggio che richiede e permette, attraverso un lavoro di interpretazione, lo svelamento di un senso più profondo. Macbeth è forse il primo dramma che introduce seriamente in scena i riti e le pratiche della stregoneria contemporanea. Con l’inserimento nel testo e quindi in scena delle streghe, delle evocazioni ed invocazioni, Shakespeare ha anche introdotto una dimensione marcatamente sovrannaturale all’intera azione.  Le evocazioni presenti nel testo sono vere e proprie evocazioni e rivelano una consapevolezza del potere della parola che esplica qui la facoltà di stare per la cosa nominataProbabilmente conosceva qualcosa dello gnosticismo attraverso la filosofia ermetica di Giordano Bruno, questa influenza viene riconosciuta, anche se forse in modo indiretto. È altresì riscontrabile un particolare interesse per la dimensione metafisica, e soprattutto per la parola e l’immagine, l’immagine visiva. Quest’ultima si sviluppa attorno alla riscoperta rinascimentale della filosofia platonica in un contesto che è però ancora legato alla tradizione aristotelica. È stato messo in luce da vari critici come Shakespeare conoscesse molto bene i classici e come egli avesse anche una conoscenza approfondita di Platone e Aristotele. C’è un legame tra il Macbeth e l’ultima opera di Shakespeare, la Tempesta, sono le più esoteriche.

Negli ultimi drammi di Shakespeare l’atmosfera magica si fa particolarmente intensa e appare ancor più chiaramente connessa alle grandi tradizioni della magia rinascimentale: la magia intesa come sistema intellettuale dell’universo, “presagio della scienza”. Shakespeare sembra quindi essere stato a conoscenza degli scopi religiosi più generali della magia rinascimentale sin dai drammi precedenti, anche se negli ultimi l’influsso di questa sensibilità è ancora più palpabile. Nel Pericle il drammaturgo introduce una grande figura di mago nel personaggio di Cerimone. Egli usa la terapia musicale per guarire e per riportare alla vita. Egli è il mago in quanto medico piuttosto che il mago in quanto cultore di scienze naturali incarnato dal Prospero della Tempesta.

L’interesse di Shakespeare per l’occulto non deve essere interpretato nel senso di una derivazione dalla tradizione popolare e folcloristica, ma piuttosto da profonde radici di affinità con la filosofia dell’epoca. La filosofia dominante dell’età  elisabettiana fu precisamente la filosofia occulta cabalistico-cristiana, caratterizzata da una  peculiare miscela rosacrociana di magia e scienza. Se il nucleo concettuale della Weltanshauung della Rinascenza (italiana e inglese) va individuato nel prevalere della manifestazione verbale, è altresì vero che il centro della sensibilità del periodo va rinvenuta in un radicato visualismo. L’immaginificità shakespeariana è intrinsecamente visuale. Il Macbeth attesta tale tendenza rinascimentale a pensare per idee astratte, in termini di concrete correlazioni visive. Il pensiero elisabettiano è dotato di una peculiare qualità emblematica che trova terreno fertile di espressione nel teatro, dove spesso il dramma si configura come una sorta di geroglifico in cui “la singola immagine visiva diventa funtivo di una immanente dimensione iconica”. Il rapporto tra idea e immagine, la possibilità di rendere visiva e visibile l’Idea è unadelle postulazioni di base della teoria estetica cinquecentesca. Basti pensare ai ‘teatri della memoria’ o di icone simboliche di Giulio Camillo e Giordano Bruno. Il problema di unire il visibile e l’intelligibile perviene, nella Rinascenza, ad una momentanea soluzione nell’idea bruniana che qualunque significato può essere espresso attraverso l’immagine che vela mentre rivela.

Questi contenuti teorici si sono innestati, in Inghilterra, in una solida tradizione teatrale e scenografica, che privilegia sia l’apporto teorico e illustrativo delle figure, sia il loro intento simbolico e allegorico. I masques sono una clamorosa esemplificazione della qualità iconica ed emblematica del teatro elisabettiano e testimonianza delle inalienabili relazioni gnoseologiche che esistono fra pensiero e immagine. La filosofia che informa il pensiero elisabettiano e quindi l’estetica shakespeariana deriva dalla scuola neoplatonica fiorentina, ma anche dall’ermetismo e dalla filosofia dei Rosacroce che può aver esercitato non pochi influssi sull’elaborazione delle sue creazioni poetiche. La letteratura inglese, tra fine del XVI secolo e l’inizio del XVII secolo, è impregnata di influenze occultiste ed esoteriche. I drammaturghi elisabettiani – (non solo Shakespeare, ma anche Christopher Marlowee Ben Jonson) – hanno prodotto opere che si colorano di un esoterismo in cui è possibile scorgere l’uso di idee riprese da dottrine dei Rosacroce, idee anteriori al movimento stesso e che hanno nutrito l’humus cui il grande drammaturgo ha attinto.

http://www.shakespeareweb.it

Sussurrato da Luli

Carnevale: Tradizione Italiana


6992d713c28437bfaae48b28d27985c8

Le origini del Carnevale sono strettamente legate alla cultura religiosa, Carnevale è il periodo di feste che precede la Quaresima, da sempre è la festa dei bambini ma coinvolge anche gli adulti. Anche se il legame alle antiche usanze cristiane è molto forte, tanto che lo troviamo anche nel nome Carnevale, dal latino carnem levare, che stava ad indicare il termine ultimo in cui era possibile mangiare carne prima dell’astinenza dovuta al periodo di Quaresima, in alcuni aspetti del cerimoniale tipico del Carnevale, ritroviamo anche echi delle feste pagane degli antichi romani, che ancora oggi si intrecciano nei diversi modi di festeggiare il Carnevale.  Protagoniste indiscusse del Carnevale sono da sempre le Maschere, dal termine arabo “mascharà” che significa scherno, satira; ogni città italiana è caratterizzata da una maschera, personaggi tipici della Commedia dell’Arte, che rappresentavano le tradizioni domestiche, il gergo popolare, lo spirito e il sapore dei tempi antichi, sopravvissute nel corso degli anni proprio perché capaci di raccontare e conservare gli aspetti più intimi e peculiari delle varie città italiane.

Il “Processo del Carnevale” è tra i festeggiamenti carnevaleschi più diffusi, infatti lo ritroviamo in molte regioni italiane e sopravvive anche nella tradizione popolare odierna. Dopo il testamento del Carnevale, al quale si addossano tutti i mali del vecchio ciclo annuale, di solito si usa metterlo a morte. L’uccisione può avvenire per per impiccagione o decapitazione ed è il momento culminante del dramma e dei festeggiamenti, ma la forma più usuale è quella del fuoco, ovvero la messa al rogo del fantoccio di Carnevale che troviamo in tantissime località.

6d212c2725602a5b73880c4507551af21

Periodi festivi simili, che segnano l’inizio di un ciclo agrario annuale o stagionale e sono caratterizzati da riti di purificazione e di propiziazione, si trovano, con nomi diversi, presso tutti i popoli e in tutte le epoche; il più diretto precedente del Carnevale cristiano è costituito dai Saturnali romani, feste religiose di origine agreste che si celebravano ogni anno in onore del dio Saturno.

Il Carnevale ha il suo re, talvolta impersonato da un essere umano in carne ed ossa (chiamato con nomi diversi: re di Carnevale, Episcopello, ecc.)Solitamente il re Carnevale scende a battaglia con la Quaresima, impersonata da una vecchia o da un personaggio maschile tanto magro, triste e austero quanto Carnevale appare panciuto e giulivo; manco a dirlo, è sempre Carnevale ad avere la peggio, lasciando il posto all’ascetismo della Quaresima che impone le sue regole ferree, privazioni e digiuno.      Nell’ambito delle feste carnevalesche, poi, un ruolo importante spetta alle maschere, ingrediente essenziale dell’alterità, del doppio e del rovesciamento dei ruoli tipico del periodo festivo. Forse incarnazione di figure infernali o di antichi demoni mai completamente cancellati neppure nell’universo cristiano, le maschere italiane hanno una lunga storia, anche letteraria, che le vede protagoniste di molto teatro (dalla Commedia dell’arte ai testi di Carlo Goldoni, per non citare che le forme più note) e le pone in primo piano in uno dei Carnevali ancora oggi più sentiti e popolari in Italia, quello di Venezia: qui le calli e i campielli si animano di misteriose e affascinanti figure in costume col viso mascherato per rendersi irriconoscibili. 

L’espressione “ti conosco mascherina“, che oggi significa che nonostante le apparenze non ci siamo fatti ingannare, ha origini antiche e risale al Medioevo, quando grazie al travestimento, nel periodo di Carnevale, il popolo aveva l’occasione di rovesciare i ruoli, anche se solo per qualche giorno e per gioco, della rigida societ del tempo. Una volta, infatti, il travestimento aveva uno scopo ben preciso che oggi andato perduto: nascondendosi dietro ad una maschera e celando in questo modo la propria identit, ciascuno aveva la possibilit di comportarsi come meglio credeva e, soprattutto, come non avrebbe mai avuto il coraggio di comportarsi a viso scoperto. Di tutto ci, oggi, rimasto solo l’aspetto ludico.  In definitiva il Carnevale per i colori, i sapori, le maschere è da sempre la festa dei bambini, ma anche un modo per gli adulti di tornare un po’ bambini, allegri e spensierati, almeno per i giorni del Carnevale, in cui come dice il detto “Ogni scherzo vale” e allora godetevi a pieno senza risparmio di energie la festa più pazza e colorata dell’anno!

c (9)

Ma i coriandoli non sono stati sempre di carta. Qualche secolo fa, infatti, durante le sfilate del carnevale, venivano lanciati sulla folla mascherata granoturco, arance, fiori, gusci d’uovo colmi di fragranze profumate e monete.

A partire dal 1500 circa si racconta che i frutti del coriandolo (da qui deriva il nome) venissero ricoperti di zucchero per ottenere dei confettini profumati, prodotti appositamente per essere gettati dai carri o dai balconi in occasione del carnevale. Questa usanza, piuttosto costosa, cadde presto in disuso e i confetti bianchi vennero gradualmente sostituiti da piccole palline, di identico aspetto, ma fatte di gesso. Durante il 1800, a Milano, l’ingegner Enrico Mangili di Crescenzago, cominciò a commercializzare dei minuscoli dischetti di carta bianca che svolazzavano per la città al passaggio dei carri, donando un aspetto surreale, quasi come nevicasse. Questi dischetti non erano altro che gli scarti dei foglietti bucherellati che venivano usati come lettiere per i bachi da seta.

I coriandoli diventarono ben presto famosi  grazie anche all’ingegnere Ettore Fenderl. Secondo un racconto da lui stesso riferito (e riportato anche in un’intervista alla radio Rai del 1957), per festeggiare il Carnevale di Trieste del 1866, anno in cui era un ragazzino di quattordici anni privo di denaro, avrebbe ritagliato dei triangolini di carta gettandoli sulle teste delle maschere sottostanti. Fu una trovata imitata subito da tanti presenti e che ebbe gran successo. La gente iniziò ben presto a chiamare questi dischetti di carta coriandoli, e iniziarono a essere commercializzati usando anche carta di varie tinte. Oggi sono immancabili in ogni Carnevale, amati soprattutto dai bambini e rappresentano l’allegria, l’atmosfera di gioia e di libertà concessa a Carnevale.

922e36bda94505ba7ea83034b2032282

Sussurrato daLuli

Solitudine … a Angie


lady barca

C’è una solitudine dello spazio,
una del mare,
una della morte, ma queste
compagnia saranno
In confronto a quel più profondo punto
quell’isolamento polare di un’anima
ammessa alla presenza di se stessa –
Infinito finito.

a Angie ... La vita è un SoffioSussurrato da Luli

Mirtillo


gattini

Era la notte prima di Natale, anche sul Ponte dell’Arcobaleno. Noi pelosetti del ponte stavamo pensando a te, come sempre. Abbiamo visto che per te quest’anno le Feste non sono state gioiose. Ti abbiamo spesso sentito sospirare “mi manchi “.

Sappiamo che a volte vorresti solo potertene stare a letto e dormire fino alla fine delle Feste, quando tutti sono felici e festeggiano con i loro amati amici tranne chi quest’anno ha visto volare qualcuno di noi qui sul ponte. Ma sai… noi, qui dall’altra parte del ponte, siamo altrettanto vivi! Se tu potessi vederci, allora sorrideresti, invece di piangere! Sapessi cosa combiniamo la notte della Vigilia! Tutti i cani con briglie dorate tirano insieme la slitta. I gatti indossano tutti il cappello di Babbo Natale e indicano la strada. Gli uccelli volano oltre il ponte, superando la neve e il buio della terra.

Tutti insieme voliamo verso casa! Tutti noi che “non ci siamo più” ( ma questo lo pensi tu!)… Tutti noi per cui tante lacrime sono state versate… Tutti noi voliamo verso casa, per stare al tuo fianco a Natale!

Se ti sembra che una soffice pelliccetta ti sfiori… Se ti sembra di udire lontanamente la nostra voce… Un lontano bau bau o un leggero miagolio… beh, quello sono io!

Siamo noi, che cerchiamo di farti capire che siamo venuti a trovarti!

mirti.

Come l’arcobaleno, le nostre visite possono capitare in qualsiasi giorno. Ma a Natale, abbiamo un compito speciale … Portiamo una slitta piena di sogni di felicità, tutti per te! Noi cagnolini, gattini, uccellini, furetti, noi animaletti del ponte… tutti noi vogliamo condividere ancora con te l’amore immenso che ci hai donato!  

E quindi lo riportiamo a casa da te , come una volta ti riportavamo la pallina. E insieme all’amore, ti riportiamo la nostra complicità, e tutti i nostri dolci ricordi, perché le nostre vite terrene sono state troppo brevi, e in questa notte di Vigilia sai, abbiamo davvero tanto da fare!

Come faremo, ti chiedi? Allora questa notte, e soltanto per questa notte speciale, quando sarai addormentato e sognerai dolci sogni di noi, e di cuccioli felici, noi potremo portare te a Casa!

Nella tua vera Casa, nel tuo e nostro Paradiso, quella dove un giorno tornerai, e tornerai a sorridere.

Questa notte per qualche ora volerai con noi, sulla nostra slitta, sopra il ponte dell’arcobaleno.

mirti gatto notte (3)

Saranno ore felici, ore in cui ti sentirai benissimo e potrai nuovamente abbracciarci e coccolarci, e correremo e giocheremo e tutto sarà perfetto … Poi, con la nostra magia, ti riporteremo nel tuo letto… e quando ti sveglierai, la mattina del giorno di Natale, pregheremo, affinché tu possa ricordare il tuo viaggio con noi nella slitta! Ma se dovessi dimenticarlo, basterà che tu ricordi il nostro Amore. Ricorda che noi ti guardiamo sempre, siamo i tuoi angeli nel cielo! Ti guardiamo e ti mandiamo Amore puro, avvolto in arcobaleni e stelle lucenti, perché illumini i tuoi momenti tristi e bui. L’amore trovato in ogni nostro ricordo rimasto nascosto manderà via ogni tristezza  e porterà la gioia e l’allegria del Natale!

Lascia che Babbo Natale si occupi dei giocattoli… noi pelosetti del ponte portiamo in dono sogni, le nostre dolci visite per ricordarti che non tutto è come sembra … Quando ti guardi intorno con occhi stanchi e quando tutto ti sembra troppo difficile, ricorda,  se vedessi ciò che vediamo noi, proveresti solo gioia e meraviglia!

Noi angeli pelosetti aspettiamo accanto al tuo albero di Natale. Siamo sempre lì per te e ascoltiamo le tue preghiere. Non siamo mai lontani da te più dello spazio di un pensiero … Non sei mai dimenticato … Non sei mai solo… E anche noi non lo siamo, con i nostri amici del ponte!

Noi qui, oltre il ponte, conosciamo solo gioia, tutto è una festa! E dopo il nostro incontro con te, la notte della vigilia di Natale, noi pelosetti del ponte continuiamo a festeggiare… sapessi quanto e come ci divertiamo tutti insieme! Ogni tanto però, o meglio spesso, qualcuno di noi scivola via, e viene a trovarti …

Ce ne stiamo lì seduti, con i nostri occhioni ben aperti a guardarti… e speriamo che anche tu riesca a scorgerci! Ma, che tu ci veda o meno, noi siamo sempre vicino a te.

Il nostro Buon Natale è l’augurio di un Amore speciale … un Amore che non muore mai!

da The Night Before Christmas at Rainbow Bridge – Cindy Morgan  2007

mirtillo

Al mio Dolce Mirtillo che lo scorso anno, proprio oggi … (qualche giorno prima di Natale) è volato sul Ponte Arcobaleno … Sussurrato daLuli

Festa delle Fate


Luli.11 ©  grafica mlm 2014

“Quando il primo bambino rise, 

la sua risata s’infranse in mille e mille piccoli pezzi, 

che si dispersero scintillando per tutto il mondo … 

Così nacquero le Fate …

e adesso, quando nasce un bambino, 

la sua prima risata diventa una Fata …”

fata libe ragnatela

La Festa delle Fate è molto importante ed è più di un semplice evento di Fantasia.

E’ un magico momento per riappropriarsi delle proprie radici, per riscoprire le tradizioni del nostro territorio e per gioire dell’appartenenza alla nostra storia.

La festa coinvolge un pubblico senza età, di adulti, ragazzi e bambini, una notte magica che veniva narrata anche dai nostri nonni, in cui alcune delle più profonde delle nostre tradizioni trovano origine …

Come quella in cui se si pone un uovo in una bottiglia, al mattino questo avrà assunto la forma di una barca, oppure quella in cui si fa il nocino perché si è certi che sarà il migliore.

La tradizione vuole che se si mettono fuori dalla porta i cardi si potrà poi scoprire se l’anno sarà di buon auspicio o meno.

Queste sono alcune delle tradizioni legate al 24 giugno, giorno che ha però un ruolo ben preciso anche nelle storie delle Fade o Fate.

E’ questo infatti il giorno eletto proprio a festa delle streghe e delle fate.

dragonfly Ann Gates Fiser

Sussurrato da Luli

… Nella Radura …


s

“E me ne andrò.
Ma gli uccelli rimarranno, cantando,
e il mio giardino rimarrà, col suo albero verde,
col suo pozzo d’acqua.
Molti pomeriggi i cieli saranno azzurri e placidi,
e le campane sul campanile rintoccheranno
come rintoccano questo pomeriggio.
Le persone che mi hanno amato moriranno,
e ogni anno la città si rinnoverà.
Ma il mio spirito vagherà sempre nostalgico
nello stesso recondito angolo del mio giardino fiorito.”
 
28 maggio 2013
Sussurrato da Luli
 

Il giornale dei gatti


Gigia - "Scholar" David Deen - Il giornale dei gatti - Luli.11 mlm 2013

 gatti hanno un giornale

con tutte le novità

e sull’ultima pagina

la “Piccola Pubblicità”.

“Cercasi casa omoda

con poltrone fuori moda:

non si accettano bambini

perché tirano la coda”.

“Cerco ecchia signora

a scopo compagnia.

Precisare referenze

e conto in macelleria”.

 Gigia - Il giornale dei gatti - Luli.11 © grafica mlm 2013

remiato cacciatore

cerca impiego in granaio.”

“Vegetariano, scapolo,

cerca ricco lattaio”.

I gatti senza casa

la domenica opo pranzo

leggono questi avvisi

più belli di un romanzo:

per un’retta o due

sognano ad occhi aperti,

poi vanno a prepararsi

per i loro concerti.

Gigia - Il giornale dei gatti - Luli.11 mlm 2013

Sussurrato da

uli all mia igina

sul ponte Arcobaleno