Margaret Tarrant


Margaret Winfred Tarrant è nata a Battersea, un sobborgo del sud di Londra nelThe Enchantress Margaret Tarrant 1888. Era l’unica figlia di Percy Tarrant, grande pittore paesaggistico e Sarah Wyatt. Il lavoro di suo padre ha influenzato notevolmente la sua vita e la sua decisione di dedicarsi all’illustrazione.

Ha iniziato la sua carriera all’età di 20 anni  dipinse e pubblicò nei primi anni ’50. Era conosciuta per i suoi libri per bambini, cartoline, calendari e riproduzioni di stampa, ricevendo la sua prima formazione pittorica presso il dipartimento artistico Chapham High School, dove ha vinto molti premi per la pittura. Insegnò per un breve periodo per poi rivolgere l suo sguardo definitivamente verso l’arte. Più tardi si trasferisce alla Scuola di Arte di Clapham. Anche se aveva iniziato a lavorare come illustratrice, continuò la sua formazione presso la Scuola d’Arte di Heatherney, nel 1918 e nel 1935 presso la Scuola d’Arte di Guildford, dove incontrò l’illustratrice Molly Brett.
 55794c1d4d74066c8a3b0829991bb861--virgin-mary-out-to.jpg (700×694)
Nel 1930 i genitori di Margaret si ammalarono e avendo bisogno della sua presenza per 
curarli . La salute di suo padre si è deteriorata in modo tale che Margaret dovette finire i suoi dipinti. i suoi genitori morirono 1934, un mese di distanza l’uno dall’altra.

Nei decenni degli anni ’20 e ’30, i suoi dipinti religiosi sono diventati molto alla moda. Per completare la raccolta di materiali per il suo lavoro, la Società Medici la mandò in Palestina nel 1936. Dopo la morte dei genitori, era esattamente quello di cui aveva bisogno. I paesaggi e le persone della Palestina le hanno ispirato molto per il suo lavoro.
  Margaret Tarrant - The Elfin Band
Negli anni ’20, Tarrant ha contribuito a diffondere le fate in una serie di titoli di lunga durata su temi come The Fairies delle foreste , le Fairie del Pond e le Favole di Twilight . È stata lunga associata alla Società Medici e molte delle sue cartoline, calendari e libri per bambini sono stati pubblicati dall’organizzazione. Dopo la morte di entrambi i genitori nel 1934, la Società la mandò in un viaggio in Palestina per la ricerca di materiale. Durante la seconda guerra mondiale, ha donato i manifesti agli sforzi di guerra e ha guidato una vecchia moto per risparmiare benzina.

Tarrant era un amica stretto di Molly Brett, un altro illustratrice di bambini, animali e fate, che si trasferì a vivere con lei quando la sua salute cominciava a indebolire. Era anche un amica di Cicely Mary Barker, illustratrice di libri per bambini. Entrambi avevano gli stessi interessi. Sia Barker che Tarrant sono conosciuti per i loro libri di fata, essendo impossibile sapere chi ha influenzato chi. Margaret Tarrant morì nel 1959, all’età di 71 anni.
Margaret Tarrant's Fairy at Mirror.
Alcuni dei suoi lavori:

Copertina di Tarrant
I bambini dell’acqua (1908)
Autumn Gleanings dei Poeti (1910)
Storie di fiabe di Hans Christian Andersen (1910)
Contes ( Charles Perrault , 1910)
Il Piper Piper di Hamelin ( Robert Browning , 1912)
Nursery Rhymes (1914)
Un libro di compleanno per ragazzi e ragazze (1915)
Alice nel paese delle meraviglie ( Lewis Carroll , 1916)
I racconti di Tooksy e Mary Alice (1919)
Il nostro giorno (1923)
Rime di vecchi tempi (1925)
Il Lampadario Magico (Marion St John Webb, 1926)Английский иллюстратор Margaret Winifred Tarrant (1888-1959) (241 работ)
Un Alfabeto di Magia ( Eleonora Farjeon , 1928)
Madre di Goose: Nursery Rhymes (1929)
Il libro di compleanno di Margaret Tarrant (1932)
Joan in Flowerland (1935) co-scritto con Lewis Dutton [5]
Il libro di Rhyme della scuola materna di Margaret Tarrant (1944)
La storia di Natale (1952)
Stampe [ modifica ]
Il Piper dei Sogni
Prega il migliore
I Cavalieri vaganti, c. 1940

Sussurrato dafiori_7 Luli
Annunci

Ida Rentoul Outhwaite


Presentation1Descritta come un po’ piccola e raffinata come le sue fate, Ida Rentoul Outhwaite è stato il primo illustratore australiano di libri per bambini per ottenere la fama mondiale. Amava dipingere le fate che spesso giocavano con i canguri nativi, koalas e kookaburras che popolavano la sua amata cespuglia.
Infanzia(in Australia è conosciuta come Ida Rentoul Outhwaite , nota anche come Ida Sherbourne Rentoul e Ida Sherbourne Outhwaite.
Ida è nacque  a Carlton, Victoria Nata il 9 giugno 1888, era la figlia più giovane di quattro fratelli e la seconda figlia di un ministro irlandese. All’epoca della nascita il padre  era professore presso l’Ormond College dell’Università di Melbourne e successivamente moderatore generale della sua chiesa per il 1912-14, e quando scoppiò la guerra mondiale , cappellano generale delle forze militari australiane.

s314724769853485193_p816_i1_w668.jpeg (668×800)È stato detto che Ida è riuscita a disegnare gli uccelli prima dell’età di due anni e che era  in grado di copiare le immagini sulle sue pareti dal vivo. Mentre era la sorella più grande Annie (1882),  era incline a scrivere romanzi. I genitori lasciarono Ida libera di esprimersi nel suo stile di illustratrice per paura di poterla condizionare non la mandarono a lezioni di scrittura. Parlando del suo lavoro iniziale, disse: “Ho trovato grandi difficoltà a disegnare i piedi in quel periodo, ero sconfortata finché non ho colto il piano felice di nascondermi in erbe profonde e rigogliose (senza dubbio molto malvagie). Ho dovuto andare avanti senza avere alcun insegnamento, peccato. Avrei dovuto essere un artista migliore se avessi potuto studiare di più e divertirmi meno.  Educata al Presbyterian Ladies College di Melbourne. Il suo lavoro rappresentato soprattutto da fate).

La Nuova Idea pubblicò la prima illustrazione professionale di Ida nell’agosto del 1903balancing.jpg (359×512) quando aveva appena 15 anni. Accompagnava una storia intitolata “Le fate di Fern Gully” dell’autore Billabong, che poi si rivelò essere un romanzo della sorella Annie. Questa prima illustrazione ha portato presto a una serie di storie e illustrazioni, in quanto le sorelle Rentoul hanno guadagnato popolarità con il pubblico. Anche se le fate erano popolari all’epoca, le illustrazioni di Ida vennero rivelate come innovative perché le sue fate frugavano tra gli animali animali australiani, i canguri, i koalas ei kookaburras. 1904 vide il primo libro pubblicato dalle sorelle di talento. Molly’s Bunyip conteneva 12 disegni in bianco e nero a pagina intera. Due anni dopo, le illustrazioni nella scala di Mollie hanno dimostrato un aumento della fiducia e delle abilità del giovane artista. Questo è stato l’inizio di un periodo molto produttivo nella carriera di Ida.

62425fecdf9587fb7b97b34eb651bc9a.jpg (429×700)Nel corso dell’autunno del 1907 si è tenuta a Melbourne una mostra insolita. Fu una Mostra femminile, che celebrò per la prima volta i successi delle donne australiane . Ha caratterizzando arti e mestieri, orchestre e cori. Considerato un grande evento sociale. Oltre che l’opera d’arte di Ida, la mostra ha coinciso con la pubblicazione della loro prima canzone, Canzoni australiani per giovani e vecchi , composta da Georgette Peterson. Il trio  pubblicò altri due libri, Bush di Australia per giovani e vecchi nel 1910 e più canzoni australiane per giovani e vecchi nel 1913. Questi libri con canzoni native australiane divennero rapidamente dei classici. La pubblicazione di Gum Tree Brownie e di altri Folk Faerie del Never Never, intorno al Natale del 1907, è stata l’inizio dell’amicizia di Outhwaite con Tarella Quinn. Hanno goduto di una feconda relazione di collaborazione, Prima che le lampade si accendano nel 1911, la Città del camino e l’altro lato di nessuno sia nel 1934. Il 1907 è anche l’anno in cui è stata associata al teatro della sua maestà di Melbourne, progettando programmi e costumi per le performance pantomime e, successivamente, a balletti.

Nel dicembre del 1909, Ida sposò Grenbry Outhwaite, un imprenditore di successo di 13733cfd7e55fa5d2f61d5c0c326b62b7a--fairy-tale-illustrations-watercolour.jpg (507×640) anni di anziano e vanno in  Nuova Zelanda. Ha acquistarono una grande casa a Melbourne e ha commissionando uno studio costruito in giardino per Ida. La produzione di Outhwaite è diminuì leggermente negli  anni venturi, a casua del fatto che ebbe quattro figli, Robert Rentoul, 1910, Anne Isobel, 1911, Wendy Laurence (un riferimento a Peter Pan), 1914 e William Grenbry Rentoul, 1919. Il suo libro, La foresta incantata scritta da Grenbry e pubblicata nel 1921, fu dedicata ai suoi figli, come modelli. Le sue illustrazioni sono state esposte in tutta l’Australia, così come a Londra e Parigi tra il 1907 e il 1933. Morì a Caulfield, Victoria , Australia.

Lo Stile e le influenze Artistiche

Crede Hans Christian Anderson per introdurla in Fairyland ma, in verità, è stata la sua campagna di cespugli che ha catturato la sua immaginazione. C’è anche un’influenza innegabile da parte dei Brownies di Palmer Cox. Altri artisti che ha ammirato sono Phil May, Aubrey Beardsley, Daniel Vierge e Gordone Browne citando la sua passione per l’arte in bianco e nero.

“Quando avevo undici anni, qualcuno mi ha dato una bottiglia di inchiostro indiano e dei nani di Gillot e ho scoperto la felicità di lavorare in bianco e nero, che è sempre stato e sarà sempre il mio mezzo preferito. C’è qualcosa di magico nel vedere cosa puoi fare, quale texture e tono e colore puoi produrre semplicemente con un punto di penna e una bottiglia di inchiostro; per scoprire che il vento può essere suggerito con alcune lunghe linee spazzate, e un cielo tranquillo moony da alcuni dritto intorno al contorno di un mezzo penny “.
Sicuramente, da bambina, Outhwaite deve essere stata esposta al lavoro a colori di Walter Crane, Randolph Caldecott e Kate Greenaway . Ma come adulta nel campo dell’editoria, non c’è dubbio che l’opera di Edmund Dulac, Arthur Rackham e Kay Nielsen abbia preso la sua attenzione. Sebbene fosse un ammiratrice di illustrazioni in bianco e nero, sentiva di dover imparare il colore per tenere il passo con la progressione delle tecnologie di stampa.
Il suo studio e le condizioni di lavoro descritte dalla figlia- “Il suo tavolo era caricato con vasi di spazzole e scatole di vernice, e un cerchio diIda Rentoul Outhwaite, 1921 "The Enchanted Forest" vernici color arcobaleno ricopriva il tappeto intorno a lei, dove aveva scosso le spazzole per indicarle. Ha lavorato su “tavola d’avorio” per penna e inchiostro, e un pesante materiale acquerello incollato a cartone per i suoi dipinti “.
Outhwaite amava appoggiare il soggetto su uno sfondo nero, che serviva ad enfatizzare l’argomento ma anche rafforzava l’aspetto decorativo delle sue immagini. Il suo lavoro in bianco e nero è stato molto divertente con superfici di cova, stippling e striature. Ma il suo lavoro colorato ha ricevuto molte critiche per essere troppo romantico e dolce. Ancora ha avuto i suoi seguaci che hanno ammirato la sua qualità decorativa e la sentimentalità. Anche lei è stata criticata per una mancanza di varietà nelle sue figure, basandosi più sulla sua immaginazione piuttosto che sull’osservazione.
Il vero problema sottostante a tutto il lavoro di Outhwaite era che Annie avrebbe scritto una storia intorno alle sue illustrazioni piuttosto che la storia che detta ciò che dovrebbe essere l’illustrazione. Questo è praticamente inaudito nella pubblicazione di oggi.

Nel suo ottimo libro, Marcia Muir disegna un parallelo tra la vita e l’opera di Kate Greenaway e Outhwaite: entrambi sono stati critici analogamente criticati per la povera anatomia ed essere troppo sentimentali, entrambi imitati da altri meno dotati, entrambi sopravvissero alla loro popolarità dopo il primo successo e l’adorazione, e entrambi portarono grande gioia a molti bambini. Potrei aggiungere a questa osservazione che entrambe le loro reputazione sono state colpite dall’alba di una nuova tecnologia pure.

Gran parte del successo di Outhwaite può essere direttamente attribuito al senso di business di Grenbry. Mentre molti campi si aprivano alle donne, era ancora consuetudine proteggerli dalle questioni commerciali. Grenbry ha cercato attivamente molti degli editori e non ha mai perso un’opportunità per promuovere  sua moglie.

Era un sostenitore forte e l’ha incoraggiata a dedicare il suo tempo alla sua opera d’arte. 

In un’intervista a Woman’s World , una pubblicazione di Melbourne, ci dà un’occhiata ai suoi sentimenti sulle difficoltà di combinare la famiglia e l’arte:

“One’s work must suffer. How can one remain really inspired when ‘leg-of-mutton’ matters constantly intervene? “
Certamente un sentimento che molti si riferiscono, ma è divertente considerare che ha avuto un aiuto domestico, un lusso che pochi illustratori oggi possono permettersi”.

Sussurrato dafiori_7 Luli


Luce, mia luce!


Little Green flying hood !  of The faerie Elves Faeries Gnomes:  #Faery.

.
Luce che inondi la terra
luce che baci gli occhi
luce che addolcisce il cuore!

Amore mio, la luce danza
al centro della mia vita
la luce tocca le corde del mio amore.

Il cielo si spalanca
il vento soffia selvaggio
il riso passa sopra la terra.

Heal by aerobicsalmon on DeviantArt

.
Le farfalle dispiegano le loro ali
sul mare della luce.
Gigli e gelsomini sbocciano
sulla cresta delle sue onde.

Amore mio, la luce s’infrange
nell’oro delle nubi
e sparge gemme in gran copia.
Gioia e serenità si diffondono
di foglia in foglia senza limiti.
Il fiume del cielo
ha superato le sue sponde
e inonda di felicità la terra.

.
HiddenGlen36

Sussurrato dafiori_7 Luli

Gocce Di Memoria


Curves and lines of pose. I like the though of holding something like q locket or mirror with something emerging:

Sono gocce di memoria
Queste lacrime nuove
Siamo anime in una storia
Incancellabile
Le infinte volte che
Mi verrai a cercare nelle mie stanze vuote
Inestimabile
E? inafferrabile la tua assenza che mi appartiene

Catrin Arno - To the Lighthouse:
Siamo indivisibili
Siamo uguali e fragili
E siamo già così lontani
Con il gelo nella mente
Sto correndo verso te
Siamo nella stessa sorte
Che tagliente ci cambierà
Aspettiamo solo un segno
Un destino, un’eternità

Heaven by ChristianSchloe:
E dimmi come posso fare per raggiungerti adesso
Per raggiungerti adesso, per raggiungere te
Siamo gocce di un passato
Che non può più tornare
Questo tempo ci ha tradito, è inafferabile
Racconterò di te

" Night with a View " (2015) by Christian Schloe:
Inventerò per te quello che non abbiamo
Le promesse sono infrante
Come pioggia su di noi
Le parole sono stanche, ma so che tu mi ascolterai
Aspettiamo un altro viaggio, un destino, una verità
E dimmi come posso fare per raggiungerti adesso
Per raggiungerti adesso, per raggiungere te

The door to the clouds by Christian Schloe.:

Sussurrato dafiori_7 Luli

Fata


Overnight Sleeping Flower Fairy ~ James Browne:

Tu che nasci nel rosa dell’aurora,
Prosperi stupendi più d’ogni creatura,
giacchè rugiada fresca ti alimenta,
Brezza mite ti culla,
e sole caldo ti bacia.
tu che cosi raffinata volteggi,
tra spighe bionde dì grano,
e papaveri amaranti
e poi ti sposti,
su boccioli in fiore,
tu che dì essi sai ogni nome,
ogni trama ed ogni odore,

Field of flowers:
tu che raccogli zagara,
e l’adagi tra i capelli,
tu che vesti petali dì rose,
e calzi foglie d’edera acerba,
e poi graziosa e libera,
con ogni erba che ti accarezza,
svaghi e canti da sola.
tu che ti assopisci
in un campo dì margherite,
e poi al risveglio,
corri al mare,

"Who would be A mermaid fair, Singing alone, Combing her hair Under the sea, In a golden curl With a comb of pearl, On a throne?" Alfred Lord Tenyson:
per rinfrescarti tra la spuma delle onde
e poi lì fermarti come a meditare.
tu, fata senza tempo,
in questo spazio chiamato mondo,
al crepuscolo su alte cime,
ti elevi in volo,
poi lenta, vai su fino al cielo,
e tra fulgori d’oro e d’argento,
eterna ti addormenti,
sulla tua amica luna.

Fairy: 

Sussurrato da Luli

Estate


This beautiful Strawberry Alphabet Flower Fairy Vintage Print by Cicely Mary Barker was printed c.1940 and is an original book plate from an early Flower Fairy book. Cicely Barker created 168 flower fairy illustrations in total for her many books:

Oh estate abbondante,
carro di mele mature,
bocca di fragola
in mezzo al verde,
labbra di susina selvatica,
strade di morbida polvere

sopra la polvere,
mezzogiorno,
tamburo di rame rosso,
e a sera riposa il fuoco,
la brezza fa ballare

il trifoglio, entra
nell’officina deserta;
sale una stella fresca
verso il cielo cupo,
crepita senza bruciare
la notte dell’estate.

Pablo Neruda

Margaret W. Tarrant (1888 – 1959, English):

Granuli d’azzurro
si insinuavano nel verde.
L’orto aprì il portale.
Morbide albicocche
si davano ai fichi

così il volo di una donna
allucinava il gattino
mentre la notte
glielo rapiva
con il cesto di ciliege-pupille.

Stefania Giordano Vespucci

Cherry Tree Flower Fairy Vintage Print, c.1950 Cicely Mary Barker Book Plate Illustration via Etsy:

Sussurrato da Luli

Papaveri


Illustration for the Poppy Fairy from Flower Fairies of the Summer. A girl fairy stands holding a poppy in her right hand.                                                                                                                                               Author / Illustrator                                Cicely Mary Barker:

Ecco che appaiono come d’incanto
tra un paracarro o al bordo di un campo,
son macchie di rosso che incendian la terra,
tutti li guardano e nessuno li afferra.

Ondeggiano insieme piegati dal vento
chiudendo i petali per qualche momento,
tanto sottili da sembrar cartapesta
scuotendosi lenti da sinistra a destra.

E in mezzo ai cespugli di ranuncoli gialli
par di vedere nel mar dei coralli,
immersi nel blu del mare o del cielo
un fermo immagine da vero raggelo.

Durano poco se vengono colti,
un po’ come i sogni o i sorrisi sui volti,
durano un attimo ma danno illusioni
un po’ come fanno aimè le passioni.

✥Vintage•Retro•GiF✥ cute little fairy girl

Strisce sottili che tagliano i campi
Un po’ come il cielo squarciato dai lampi,
non temon la pioggia ne l’aridità,
ma danno la gioia e l’ilarità.

Un vero disio per grandi e bambini
di coglierne un mazzo per tenerli vicini,
ma siccome venuti dal nulla e dal niente,
nessuno può averli nemmeno la gente.

Unico simbolo di autenticità
che tutti vorremmo ma che non ha proprietà,
un piccolo fiore ma di gran gradimento
che ritorna ogni anno da un preciso momento.

Uno dei grandi misteri del creato
da tutti veduto ma dai più mai spiegato,
che rendon più autentico ed unico il mondo
da amare e proteggere nel senso profondo

The shirley poppy fairy - Fata del papavero; Cicely Mary Barker:

Sussurrato da Luli

I colori e le Fate


fata fiori perle

Le fate si muovono tra il Mondo di Mezzo ed il Mondo degli umani come energia vibrante che si può manifestare attraverso varie forme e modi. Uno dei mezzi con il quale esse amano farsi riconoscere sono i profumi ed i colori.

Sono energie sottili e muovendosi creano luci e colori. Possono nascondersi in un raggio di sole, nell’azzurro del cielo, nel verde di un prato nel blu delle acque profonde, nel rosso del tramonto e nell’intenso marrone della terra. I colori appartengono al mondo fatato e le sfumature della natura sono riflessi della loro energia. Imparare a conoscere e servirsi dei colori è un ulteriore modo per avvicinarsi al magico mondo delle Fate e della natura.

I colori hanno una grande influenza sulla vita di tutti gli esseri viventi, vivono con noi, possiamo vederli senza guardarli, respirarli senza chiudere gli occhi, toccarli senza sentirli, giocarci. Si riflettono nel nostro comportamento e sono lo specchio delle nostre emozioni: il dispiacere, la gioia, la tristezza, il piacere, la delusione e l’ansia sono legati in qualche modo ai colori, ma non solo, i colori possono influire anche sulla nostra salute.

Conoscendo le potenzialità dei colori, possiamo mantenerci in forma, approfondire la conoscenza degli altri, affrontare i problemi della nostra vita diversamente e, persino, innalzare le nostre difese immunitarie. I Colori possono illuminare gli stati d’animo “oscuri” della nostra vita. Vi siete mai chiesti perché scegliete un abito al posto di un altro, preferite un cibo solo per il suo colore, oppure amate arredare la vostra casa con mobili particolari o ne tinteggiamo le pareti di un colore al posto di un altro? Tutto questo, e molto altro ancora, vuol dire fare cromoterapia.

fata farfalle-SHEILA WOLK

VERDE

colore ambivalente, simboleggia la primavera della vita e la morte; anche gioventù, speranza, contentezza, cambiamento, la transitorietà e la gelosia. Il paradiso, la natura, l’abbondanza, la prosperità, la pace. il verde acerbo simboleggia l’inesperienza, la follia, l’ingenuità. E’ associato al n.5 ed è il colore delle fate. il verde primaverile simboleggia l’immortalità, la crescita dello spirito santo nell’uomo, la vita, il trionfo della vita sulla morte. Iniziazione, opere buone, il verde pallido è associato a satana e alla morte.

BIANCO

simbolizza la perfezione trascendente, innocenza, la luce, il sole, l’aria, castità, santità, sacralità, la redenzione, autorità spirituale. Una veste bianca indica purezza, castità o il trionfo dello spirito sulla carne. l’anima purificata, gioia, verginità, vita santa. Il bianco associato al nero simbolizza la dualità, i due opposti, il bene e il male. Il bianco associato al rosso simbolizza il diavolo, il purgatorio.  Il bianco è presente in molte cerimonie e fasi della vita come il battesimo, la cresima, le cerimonie religiose, il matrimonio, la morte, i santi. Il bianco è il simbolo della purezza, dell’innocenza e del pudore. Esprime un sentimento puro e sincero. Viene utilizzato anche quando si attendono nuove notizie.

GIALLO

è un colore ambivalente, il giallo chiaro simbolizza la luce del sole, l’intelletto, intuito, fede e bontà. Il giallo scuro simbolizza slealtà, tradimento, gelosia, ambizione, avarizia, furtività, inganno, perfidia. Il giallo dorato simbolizza la sacralità, la divinità, la verità rivelata. il giallo viene comunemente associato all’infedeltà e al tradimento, ma è anche simbolo di lusso, gloria e successo.

fata gif

ROSA

 è simbolo della giovinezza ed esprime un amore appena nato. Il rosa è associato anche a grande ammirazione.

ARGENTO

simbolizza la luna, il principio femminile, la verginità.

ORO

associato al sole, al potere divino, all’immortalità, la materia della vita, al fuoco, radiosità, fuoco, gloria, agli dei, al grano maturo.

ARANCIONE

è un colore che simboleggia la gioia, l’allegria, e la piena soddisfazione per un successo già raggiunto. Anche sentimentalmente esprime un amore già consolidato e appagante.

GRIGIO

simbolizza il neutro, lutto, depressione, le ceneri, umiltà, penitenza. Morte del corpo e immortalità dell’anima.

MARRONE

simbolizza la terra. morte spirituale, rinuncia al mondo.

fata altalena

ROSSO

rappresenta il sole e tutti gli dei della guerra. e principio maschile, attivo, il fuoco, la regalità, l’amore, la gioia, le celebrazioni festive, la passione, l’energia, la ferocia, la sessualità, il fuoco, il sangue, la collera, vendetta, il martirio, la forza d’animo, la fede, la magnanimità, rinnovamento della vita, il rosso con il bianco rappresenta la morte, rosso nero e bianco rappresenta i tre stadi dell’iniziazione.

NERO

simbolizza l’oscurità primordiale, il non-manifesto, il vuoto, il male, le tenebre della morte, vergogna, disperazione, distruzione, corruzione, dolore, tristezza, umiliazione, rinuncia, solennità, costanza, rappresenta anche il tempo, duro, spietato e irrazionale, ed è associato alla parte oscura della grande madre. Il nero o il blu è il colore del caos. E associato al lutto e alla stregoneria e alla magia nera. Associato al pianeta Saturno e al numero 8. Simbolizza anche l’inferno, al diavolo.

VIOLA

simboleggia l’intelligenza, conoscenza, devozione religiosa, santità, sobrietà, umiltà, penitenza, dolore, temperanza, nostalgia, afflizione, lutto, vecchiaia, regola e autorità sacerdotale, verità, digiuno, tristezza, oscurità, ed è il colore associato a Maria Maddalena.

fata farfalle SHEILA WOLK-

Sussurrato da Luli

Un barlume di luce …


bimba farfalle azzurre

Io sono una Fata,
sono un barlume di luce…
sono la brezza che accarezza i corpi degli amanti
e ne muove i capelli facendoli apparire ancora più belli.
Sono scintilla che per un solo attimo brucia di eterno fuoco
sono vento che i pensieri porta lontano
sono tempesta quando scuoto dal profondo il tuo cuore e i tuoi sensi
sono un sogno …
sono l’ombra che ti scruta da lontano,
la mano che ti aiuta ad alzarti,
l’acqua che ti disseta,
il pane che ti sazia.
Sono la musica che accompagna il tuo cammino,

elfa globo farfalle blu gif

la luce delle stelle,
il chiaro di una luna.
Io sono la maschera che porti per proteggere la tua anima,
sono la verità celata,
sono l’alba e il tramonto
sono una goccia di pianto…
Io sono…

sono una donna …
e se ti verrà voglia di amarmi basta prendermi per mano …
ti condurrò lassù, alla fine del mondo conosciuto,
dove i colori dell’arcobaleno danzano al ritmo della musica eterna
che voi umani chiamate incanto.

10429419_821261997929936_6050443459457164934_n

Sussurrato daLuli

Se la mia Poesia


verdi marroni (2)

Se la mia poesia mi abbandonasse

come polvere o vento,

se io non potessi più cantare,

come polvere o vento,

io cadrei a terra sconfitta

trafitta forse come la farfalla

e in cerca della polvere d’oro

morirei sopra una lampadina accesa,

se la mia poesia non fosse come una gruccia

che tiene su uno scheletro tremante,

cadrei a terra come un cadavere

che l’amore ha sconfitto.

1 bimbo fata bosco

sussurrato da Luli 

Compleanno


 

la radura nel bosco incanta to compleanno lady rosa danza
E crescendo impari che la felicità non e’ quella delle grandi cose.
Non e’ quella che si insegue a vent’anni, quando, come gladiatori si combatte il mondo per uscirne vittoriosi…
La felicità non e’ quella che affanosamente si insegue credendo che l’amore sia tutto o niente,…
non e’ quella delle emozioni forti che fanno il “botto” e che esplodono fuori con tuoni spettacolari…,
la felicità non e’ quella di grattacieli da scalare, di sfide da vincere mettendosi continuamente alla prova.
Crescendo impari che la felicità e’ fatta di cose piccole ma preziose….
…e impari che il profumo del caffe’ al mattino e’ un piccolo rituale di felicità, che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro dai colori che scaldano il cuore, che bastano gli aromi di una cucina, la poesia dei pittori della felicità, che basta il muso del tuo gatto o del tuo cane per sentire una felicità lieve.
E impari che la felicità e’ fatta di emozioni in punta di piedi, di piccole esplosioni che in sordina allargano il cuore, che le stelle ti possono commuovere e il sole far brillare gli occhi,
e impari che un campo di girasoli sa illuminarti il volto, che il profumo della primavera ti sveglia dall’inverno, e che sederti a leggere all’ombra di un albero rilassa e libera i pensieri.
E impari che l’amore e’ fatto di sensazioni delicate, di piccole scintille allo stomaco, di presenze vicine anche se lontane, e impari che il tempo si dilata e che quei 5 minuti sono preziosi e lunghi più di tante ore,
e impari che basta chiudere gli occhi, accendere i sensi, sfornellare in cucina, leggere una poesia, scrivere su un libro o guardare una foto per annullare il tempo e le distanze ed essere con chi ami.
E impari che sentire una voce al telefono, ricevere un messaggio inaspettato, sono piccolo attimi felici.
E impari ad avere, nel cassetto e nel cuore, sogni piccoli ma preziosi.
E impari che tenere in braccio un bimbo e’ una deliziosa felicità.
E impari che i regali più grandi sono quelli che parlano delle persone che ami…
E impari che c’e’ felicità anche in quella urgenza di scrivere su un foglio i tuoi pensieri, che c’e’ qualcosa di amaramente felice anche nella malinconia.
E impari che nonostante le tue difese,
nonostante il tuo volere o il tuo destino,
in ogni gabbiano che vola c’e’ nel cuore un piccolo-grande
Jonathan Livingston.
E impari quanto sia bella e grandiosa la semplicità.
Sussurrato daLuli