Il Guardiano del Faro


Keeping the Light - Darrell Bush - World-Wide-Art.com

Si concesse di chiudere gli occhi per qualche secondo, godendo della sensazione degli spruzzi di acqua, godendo della sensazione degli spruzzi di acqua salata sul viso.
Riaprendoli, vide in lontananza Gråskär e il cuore le balzò nel petto.
Era sempre così, quando avvistava l’isola e la casetta con il faro che svettava bianco e fiero verso il cielo azzurro.Era ancora troppo distante per poter vedere il colore della casa, ma ricordava la sfumatura grigia del legno e i cantoni bianchi, e anche le malvarose che crescevano contro la parete meno esposta al vento. Era il suo rifugio, il suo paradiso.

Come può un semplice raggio fare la differenza per così tante vite? Come possono tante persone fidarsi di quella luce e di quelli che la custodiscono?
Solo da adulto, ho capito perché mi affascinano tanto queste magnifiche torri. Sono sempre stato rapito dal fascio di luce brillante del faro, e dal suo scopo: guidare le navi e i suoi equipaggi in acque sicure. Pioggia o nebbia, tempesta o foschia, la luce è sempre là, dietro la lente di cristallo, una sorta di muro trasparente posto innanzi alla fonte luminosa per amplificarne la forza.

(Sergio Bambarén Il guardiano del faro)

La vista era come sempre bella da togliere il fiato: da un lato si vedevano solo mare e orizzonte ma dall’altro si estendeva l’arcipelago con le sue isole e i suoi scogli. Da molti anni il faro non era più in uso e ormai era una specie di monumento al passato. La lampada era spenta e lamiere e bulloni arrugginivano lentamente …

Pictures

Sussurrato dafiori_7 Luli

 

Annunci

Ida Rentoul Outhwaite


Presentation1Descritta come un po’ piccola e raffinata come le sue fate, Ida Rentoul Outhwaite è stato il primo illustratore australiano di libri per bambini per ottenere la fama mondiale. Amava dipingere le fate che spesso giocavano con i canguri nativi, koalas e kookaburras che popolavano la sua amata cespuglia.
Infanzia(in Australia è conosciuta come Ida Rentoul Outhwaite , nota anche come Ida Sherbourne Rentoul e Ida Sherbourne Outhwaite.
Ida è nacque  a Carlton, Victoria Nata il 9 giugno 1888, era la figlia più giovane di quattro fratelli e la seconda figlia di un ministro irlandese. All’epoca della nascita il padre  era professore presso l’Ormond College dell’Università di Melbourne e successivamente moderatore generale della sua chiesa per il 1912-14, e quando scoppiò la guerra mondiale , cappellano generale delle forze militari australiane.

s314724769853485193_p816_i1_w668.jpeg (668×800)È stato detto che Ida è riuscita a disegnare gli uccelli prima dell’età di due anni e che era  in grado di copiare le immagini sulle sue pareti dal vivo. Mentre era la sorella più grande Annie (1882),  era incline a scrivere romanzi. I genitori lasciarono Ida libera di esprimersi nel suo stile di illustratrice per paura di poterla condizionare non la mandarono a lezioni di scrittura. Parlando del suo lavoro iniziale, disse: “Ho trovato grandi difficoltà a disegnare i piedi in quel periodo, ero sconfortata finché non ho colto il piano felice di nascondermi in erbe profonde e rigogliose (senza dubbio molto malvagie). Ho dovuto andare avanti senza avere alcun insegnamento, peccato. Avrei dovuto essere un artista migliore se avessi potuto studiare di più e divertirmi meno.  Educata al Presbyterian Ladies College di Melbourne. Il suo lavoro rappresentato soprattutto da fate).

La Nuova Idea pubblicò la prima illustrazione professionale di Ida nell’agosto del 1903balancing.jpg (359×512) quando aveva appena 15 anni. Accompagnava una storia intitolata “Le fate di Fern Gully” dell’autore Billabong, che poi si rivelò essere un romanzo della sorella Annie. Questa prima illustrazione ha portato presto a una serie di storie e illustrazioni, in quanto le sorelle Rentoul hanno guadagnato popolarità con il pubblico. Anche se le fate erano popolari all’epoca, le illustrazioni di Ida vennero rivelate come innovative perché le sue fate frugavano tra gli animali animali australiani, i canguri, i koalas ei kookaburras. 1904 vide il primo libro pubblicato dalle sorelle di talento. Molly’s Bunyip conteneva 12 disegni in bianco e nero a pagina intera. Due anni dopo, le illustrazioni nella scala di Mollie hanno dimostrato un aumento della fiducia e delle abilità del giovane artista. Questo è stato l’inizio di un periodo molto produttivo nella carriera di Ida.

62425fecdf9587fb7b97b34eb651bc9a.jpg (429×700)Nel corso dell’autunno del 1907 si è tenuta a Melbourne una mostra insolita. Fu una Mostra femminile, che celebrò per la prima volta i successi delle donne australiane . Ha caratterizzando arti e mestieri, orchestre e cori. Considerato un grande evento sociale. Oltre che l’opera d’arte di Ida, la mostra ha coinciso con la pubblicazione della loro prima canzone, Canzoni australiani per giovani e vecchi , composta da Georgette Peterson. Il trio  pubblicò altri due libri, Bush di Australia per giovani e vecchi nel 1910 e più canzoni australiane per giovani e vecchi nel 1913. Questi libri con canzoni native australiane divennero rapidamente dei classici. La pubblicazione di Gum Tree Brownie e di altri Folk Faerie del Never Never, intorno al Natale del 1907, è stata l’inizio dell’amicizia di Outhwaite con Tarella Quinn. Hanno goduto di una feconda relazione di collaborazione, Prima che le lampade si accendano nel 1911, la Città del camino e l’altro lato di nessuno sia nel 1934. Il 1907 è anche l’anno in cui è stata associata al teatro della sua maestà di Melbourne, progettando programmi e costumi per le performance pantomime e, successivamente, a balletti.

Nel dicembre del 1909, Ida sposò Grenbry Outhwaite, un imprenditore di successo di 13733cfd7e55fa5d2f61d5c0c326b62b7a--fairy-tale-illustrations-watercolour.jpg (507×640) anni di anziano e vanno in  Nuova Zelanda. Ha acquistarono una grande casa a Melbourne e ha commissionando uno studio costruito in giardino per Ida. La produzione di Outhwaite è diminuì leggermente negli  anni venturi, a casua del fatto che ebbe quattro figli, Robert Rentoul, 1910, Anne Isobel, 1911, Wendy Laurence (un riferimento a Peter Pan), 1914 e William Grenbry Rentoul, 1919. Il suo libro, La foresta incantata scritta da Grenbry e pubblicata nel 1921, fu dedicata ai suoi figli, come modelli. Le sue illustrazioni sono state esposte in tutta l’Australia, così come a Londra e Parigi tra il 1907 e il 1933. Morì a Caulfield, Victoria , Australia.

Lo Stile e le influenze Artistiche

Crede Hans Christian Anderson per introdurla in Fairyland ma, in verità, è stata la sua campagna di cespugli che ha catturato la sua immaginazione. C’è anche un’influenza innegabile da parte dei Brownies di Palmer Cox. Altri artisti che ha ammirato sono Phil May, Aubrey Beardsley, Daniel Vierge e Gordone Browne citando la sua passione per l’arte in bianco e nero.

“Quando avevo undici anni, qualcuno mi ha dato una bottiglia di inchiostro indiano e dei nani di Gillot e ho scoperto la felicità di lavorare in bianco e nero, che è sempre stato e sarà sempre il mio mezzo preferito. C’è qualcosa di magico nel vedere cosa puoi fare, quale texture e tono e colore puoi produrre semplicemente con un punto di penna e una bottiglia di inchiostro; per scoprire che il vento può essere suggerito con alcune lunghe linee spazzate, e un cielo tranquillo moony da alcuni dritto intorno al contorno di un mezzo penny “.
Sicuramente, da bambina, Outhwaite deve essere stata esposta al lavoro a colori di Walter Crane, Randolph Caldecott e Kate Greenaway . Ma come adulta nel campo dell’editoria, non c’è dubbio che l’opera di Edmund Dulac, Arthur Rackham e Kay Nielsen abbia preso la sua attenzione. Sebbene fosse un ammiratrice di illustrazioni in bianco e nero, sentiva di dover imparare il colore per tenere il passo con la progressione delle tecnologie di stampa.
Il suo studio e le condizioni di lavoro descritte dalla figlia- “Il suo tavolo era caricato con vasi di spazzole e scatole di vernice, e un cerchio diIda Rentoul Outhwaite, 1921 "The Enchanted Forest" vernici color arcobaleno ricopriva il tappeto intorno a lei, dove aveva scosso le spazzole per indicarle. Ha lavorato su “tavola d’avorio” per penna e inchiostro, e un pesante materiale acquerello incollato a cartone per i suoi dipinti “.
Outhwaite amava appoggiare il soggetto su uno sfondo nero, che serviva ad enfatizzare l’argomento ma anche rafforzava l’aspetto decorativo delle sue immagini. Il suo lavoro in bianco e nero è stato molto divertente con superfici di cova, stippling e striature. Ma il suo lavoro colorato ha ricevuto molte critiche per essere troppo romantico e dolce. Ancora ha avuto i suoi seguaci che hanno ammirato la sua qualità decorativa e la sentimentalità. Anche lei è stata criticata per una mancanza di varietà nelle sue figure, basandosi più sulla sua immaginazione piuttosto che sull’osservazione.
Il vero problema sottostante a tutto il lavoro di Outhwaite era che Annie avrebbe scritto una storia intorno alle sue illustrazioni piuttosto che la storia che detta ciò che dovrebbe essere l’illustrazione. Questo è praticamente inaudito nella pubblicazione di oggi.

Nel suo ottimo libro, Marcia Muir disegna un parallelo tra la vita e l’opera di Kate Greenaway e Outhwaite: entrambi sono stati critici analogamente criticati per la povera anatomia ed essere troppo sentimentali, entrambi imitati da altri meno dotati, entrambi sopravvissero alla loro popolarità dopo il primo successo e l’adorazione, e entrambi portarono grande gioia a molti bambini. Potrei aggiungere a questa osservazione che entrambe le loro reputazione sono state colpite dall’alba di una nuova tecnologia pure.

Gran parte del successo di Outhwaite può essere direttamente attribuito al senso di business di Grenbry. Mentre molti campi si aprivano alle donne, era ancora consuetudine proteggerli dalle questioni commerciali. Grenbry ha cercato attivamente molti degli editori e non ha mai perso un’opportunità per promuovere  sua moglie.

Era un sostenitore forte e l’ha incoraggiata a dedicare il suo tempo alla sua opera d’arte. 

In un’intervista a Woman’s World , una pubblicazione di Melbourne, ci dà un’occhiata ai suoi sentimenti sulle difficoltà di combinare la famiglia e l’arte:

“One’s work must suffer. How can one remain really inspired when ‘leg-of-mutton’ matters constantly intervene? “
Certamente un sentimento che molti si riferiscono, ma è divertente considerare che ha avuto un aiuto domestico, un lusso che pochi illustratori oggi possono permettersi”.

Sussurrato dafiori_7 Luli


Il nome della Rosa


Sunset on Still Water - Daniel Gerhartz - oil:

Era una bella mattina di fine novembre nella notte aveva nevicato un poco, ma il terreno ma il terreno era coperto di un velo fresco non più alto di tre dita. Al buio subito dopo le laudi avevamo ascoltato la messa in un villaggio a valle. Poi ci eravamo messi in viaggio verso le montagne, allo spuntar del sole.Come ci inerpicavamo per il sentiero scosceso che si snodava intorno al monte, vidi l’Abbazia (…) 

Non dirò comunque che essa suggerisse sentimenti di giocondità. Io ne trassi spavento, e una inquietudine sottile.  Dio sa che non erano fantasmi dell’animo mio immaturo, e che rettamente interpretavo indubitabili presagi iscritti nella pietra, sin dal giorno che i giganti vi posero mano, e prima che la illusa volontà dei monaci ardisse consacrarla alla custodia della parola divina …  Il nome della Rosa (Primo giorno)

Deep into the mountains concept art by alantsuei ~ wooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooowww.:

… Pensa ad un fiume, denso e maestoso, che corre per miglia e miglia, e tu sai dove sia il fiume, dove l’argine, dove la terra ferma.
Ad un certo punto, il fiume, per stanchezza, perché ha corso per troppo tempo e troppo spazio, perché si avvicina il mare, che annulla in sè tutti i fiumi, non sa più cosa sia.
Diventa il proprio delta.
Rimane, forse, un ramo maggiore, ma, molti se ne diramano, in ogni direzione, ed alcuni riconfluiscono gli uni negli altri, e non sai più cosa sia origine di cosa, e, talora, non sai cosa sia fiume ancora, e cosa già mare …

Fairies in the library: Valentin Rekunenko

Il Riso

“… Bravo Also … queste immagini ci parlano di quella regione dove si arriva cavalcando un’oca blu, dove si trovano sparvieri che pescano dei pesci in un ruscello, orsi che inseguono falconi nel cielo, gamberi che volano con le colombe e giganti presi in trappola e morsicati da un gallo.” Un pallido sorriso illuminò le sue labbra. Allora gli altri monaci che avevano seguito la conversazione con una certa timidezza, si misero a ridere di cuore … E fu mentre tutti ancora ridevano che udimmo alle nostre spalle una voce, solenne e severa.

“Verbana vana aut risui apta non loqui.” 

Chi aveva parlato (Jorge da Burgos) era un monaco curvo per il peso degli anni … era cieco. Ci fissava come se ci vedesse … “Spero che non vi siate adirato per le mie parole,” disse il vecchio in tono brusco. “Ho udito persone che ridevano su cose risibili e ho ricordato loro uno dei principi della nostra regola. E come dice il salmista, se il monaco si deve astenere dai discorsi buoni per il voto di silenzio, a quanto maggior ragione deve sottrarsi ai discorsi cattivi. E come ci sono discorsi cattivi ci sono immagini cattive. E sono quelle che mentono circa la forma della creazione e mostrano il mondo al contrario di ciò che deve essere, è sempre stato e sempre sarà nei secoli dei secoli sino alla consunzione dei tempi. Ma voi venite da altro ordine, dove mi dicono è vista con indulgenza anche la giocondità più inopportuna …

Daniel Gerhartz : He Wraps Himself in Light:

Ripeto ancora oggi a me stesso che la mia scelta fu buona, e feci bene a seguire il mio maestro. Quando infine ci separammo, egli mi fece dono delle sue lenti, poi mi abbracciò con la tenerezza di un padre e mi disse:”Tu hai vissuto in questi giorni, povero ragazzo, una serie di avvenimenti in cui ogni retta regola sembrava essersi sciolta. Ma l’anticristo può nascere dalla stessa pietà, dall’eccessivo amor di Dio o della verità, come l’eretico nasce dal santo e l’indemoniato dal veggente; e la verità si manifesta a tratti anche negli errori del mondo, cosicchè dobbiamo decifrarne i segni, anche là dove ci appaiono oscuri e intessuti di una volontà del tutto intesa al male”. Non lo vidi più, nè so che cosa si accaduto di lui, ma prego sempre che Dio abbia accolto l’anima sua e gli abbia perdonato i molti atti di orgoglio che la sua fierezza intellettuale gli aveva fatto commettere. Ma, ora che sono molto, molto vecchio, mi rendo conto che di tutti i volti che dal passato mi tornano alla mente, più chiaro di tutti vedo quello della fanciulla che ha visitato tante volte i miei sogni di adulto e di vegliardo. Eppure, dell’unico amore terreno della mia vita non avevo saputo, nè seppi mai, il nome.

Daniel F. Gerhartz Painting "Demure" via liveinternet.ru:

“Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus”

(la rosa primigenia esiste solo nel nome, possediamo soltanto nudi nomi)

per Umberto Eco 
Sussurrato daLuli

Elfi


l loro antico nome nordico è ALFR  

e indicava i geni della mitologia nordica,

simbolo delle forze dell’aria, del fuoco,

della terra e dei fenomeni atmosferici in generale.

Spiriti capricciosi, gli elfi, talvolta benevoli, talvolta malevoli,

sono dotati di una terribile potenza.

In origine pare che gli elfi siano stati concepiti come anime di defunti,

poi furono venerati anche come potenze che favorivano la fecondità.

Di qui la distinzione, nella mitologia nordica,

Un popolo meraviglioso dai tratti sottili,

che nonostante l’apparenza fragile è  dotato di forza ed agilità.

Hanno un grande senso della parità nei confronti di amici ed alleati.

Non si fanno comunque molti amici ma non dimenticano mai

quelli che hanno; nemmeno i nemici però.

Preferiscono stare lontani dagli umani, non gradiscono la compagnia dei nani

e detestano i maligni abitanti dei boschi,

Cantano ed amano la poesia, coraggiosi e mai incoscienti,

mangiano poco, bevono vino ed idromele,

anche se di rado li si vede eccedere nel bere.

Amano i gioielli artistici, la magia e le armi.

Questi vizi sono i loro unici punti deboli.

Gli elfi credono sia utile conoscere il linguaggio

di molte delle creature della foresta.

fra Dokkalfar, “elfi delle tenebre”, e Liosalfar, “elfi della luce”.


La Storia degli Elfi


Iluvatar li fece nascere sotto le Stelle, e tra tutte le cose,

è proprio la luce delle Stelle quella che essi amano di più.

Gli elfi erano immortali e vivevano a lungo quanto la Terra,

senza conoscere malattia e pestilenze,ma i loro corpi avevano la stessa

sostanza della Terra, e come essa erano passibili di distruzione.

Alti quanto gli uomini, gli elfi ne erano però più forti di cuore e di membra, e il

volgere degli anni edelle Ere portava loro non già vecchiaia,

ma altra bellezza e saggezza.

Potevano essere uccisi dalle armi o dal dolore, ma la loro non era che una

morte apparente, perchè la loro vita continuava nelle Aule di Mandos,

in Valinor, da dove col tempo possono tornare.

Gli elfi avevano occhi risplendenti della luce delle stelle che videro alla

nascita, capelli d’oro, d’argento o neri quanto l’ambra nera; emanavano luce,

e il suono delle loro voci era puro,dolce e vario come l’acqua di fonte.

La storia di questo popolo, benedetto da Iluvatar ma, perché immortale,

destinato alla malinconia e alla tristezza,è narrata con particolare 

affetto da Tolkien nei suoi libri.

La fine della Terza Era del mondo segnò la fine della permanenza degli Elfi

nella Terra di Mezzo, e nella Quarta Era, quella del Dominio degli Uomini,

l’ultimo Elfo salpò con l’ultima nave per le Aule di Mandos.


Sussurrato da Luli